Bandi & Concorsi | 08 luglio 2021

Le Borse di studio della Cdc di Torino

Mancano pochi giorni (scadenza 30 luglio) per presentare domanda per le 115 Borse di studio messe a disposizione dalla Camera di commercio di Torino a favore di studenti che si trovano in difficoltà a causa delle conseguenze dell’emergenza Covid-19. “Gli effetti della pandemia non devono in nessun caso compromettere la continuità del percorso di studio di ragazzi meritevoli, che per ragioni diverse possono trovarsi in condizioni di disagio economico o di fragilità - spiega Dario Gallina, presidente della Camera di commercio di Torino –A fronte della situazione emergenziale che stiamo vivendo, per la prima volta l’ente camerale ha voluto quindi investire 200mila euro per finanziare 115 Borse di studio a favore di universitari e studenti degli ITS, per garantire un’opportunità per continuare a studiare con profitto”. 90 Borse di studio da 2.000 euro cadauna sono destinate a studenti regolarmente iscritti all’Università/Politecnico all’anno accademico 2020/2021 o immatricolati all’anno accademico 2020/2021, nei seguenti corsi: Laurea, Laurea magistrale, Laurea magistrale a ciclo unico, inclusi i diplomi accademici (equipollenti a lauree) di alta formazione artistica e musicale. 25 Borse di studio da 800 euro cadauna sono destinate a studenti frequentanti corsi ITS (Istituto Tecnico Superiore) nell’anno scolastico 2020/2021, finalizzati ad ottenere il diploma di Tecnico Superiore. Lo stanziamento si avvale anche di un contributo pari a 50mila euro da parte di Unioncamere nazionale. I requisiti. Per disagio economico e sociale, vengono considerate le seguenti circostanze: perdita o sospensione dell’attività lavorativa (ad esempio: cassa integrazione – sospensione dell’attività imprenditoriale) di uno dei genitori o di altro percettore di reddito del nucleo familiare nel corso del 2020 e/o nel periodo gennaio-aprile 2021; perdita di fatturato (nella misura del 30% nell’anno 2020 rispetto all’anno precedente) dell’attività lavorativa del genitore/altro percettore di reddito del nucleo familiare, lavoratore autonomo o titolare di impresa individuale; decesso di un genitore/altro percettore di reddito del nucleo familiare causa Covid-19, lavoratore autonomo o titolare di impresa individuale. Il genitore/percettore di reddito deve essere dipendente o titolare di un’impresa operante in Italia e iscritta al Registro delle Imprese italiane. Per partecipare è necessario inoltre: non avere superato i 30 anni di età, essere residenti nella città metropolitana di Torino, essere in possesso di ISEE familiare inferiore o uguale a 25mila euro, aver conseguito almeno la metà dei CFU previsti per ciascuno degli anni accademici conclusi (tale requisito non è richiesto per gli iscritti al primo anno). La domanda di concessione della borsa di studio deve essere inviata entro le ore 12 del 30 luglio 2021, inviando la documentazione richiesta alla casella di posta elettronica certificata scuola.lavoro@to.legalmail.camcom.it Le domande di richiesta voucher saranno accettate in ordine cronologico di arrivo, fino a totale esaurimento dei fondi. Tutte le informazioni su:www.to.camcom.it/borsestudiocovid

Ti potrebbero interessare anche: