Curiosità | 02 luglio 2021

Notizie in breve dall'Unione europea

ITALIANO IL RECORD DELLA MINOR VITA LAVORATIVA

Nel 2020, la durata media della vita lavorativa prevista per i quindicenni nell'Unione europea (Ue) era di 35,7 anni, 0,2 anni in meno rispetto alla media del 2019. È la prima volta dal 2000 che la durata media prevista della vita lavorativa è calata. Anche il numero di anni in cui le persone possono aspettarsi di essere nel mondo del lavoro (occupati o disoccupati) nel corso della loro vita è stato influenzato dalla crisi Covid19.

Tra gli Stati membri, Svezia, Paesi Bassi e Danimarca evidenziano la durata più lunga della vita lavorativa prevista (rispettivamente 42, 41 e 40 anni). Questi erano gli unici tre Stati membri dell'Ue in cui la durata prevista della vita lavorativa era di 40 anni o più. Sono stati seguiti da Estonia (39,2 anni), Germania (39,1 anni) e Finlandia (38,8 anni). Al contrario, la durata prevista della vita lavorativa più breve è stata registrata in Italia (31,2 anni), seguita da Grecia e Croazia (entrambe 32,8 anni), Belgio (33,4 anni) e Bulgaria (33,5 anni).

LA GRADUATORIA DELL'ISTRUZIONE TERZIARIA

L'anno scorso, il 41% della popolazione dell'Unione europea di età compresa tra 25 e 34 anni aveva completato l'istruzione terziaria. C'è una chiara differenza di genere: una quota maggiore di donne (46%) di età compresa tra 25 e 34 anni ha completato l'istruzione terziaria rispetto agli uomini (35%). Gli Stati membri dell'Ue si sono posti l'obiettivo di aumentare al 45%, entro il 2030, la quota della popolazione di età compresa tra 25 e 34 anni che ha completato l'istruzione terziaria.

Undici Stati membri hanno già raggiunto l'obiettivo per questo indicatore: Belgio, Danimarca, Irlanda, Spagna, Francia, Cipro, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovenia e Svezia. In cinque di questi, più della metà delle persone di età compresa tra 25 e 34 anni aveva un livello di istruzione terziario nel 2020: Lussemburgo (61%), Irlanda e Cipro (entrambi 58%), Lituania (56%) e Paesi Bassi (52%). Al contrario, le quote più basse sono state registrate in Romania (25%), Italia (29%), Ungheria (31%), Bulgaria e Repubblica Ceca (entrambe 33%).

CROLLO DEL TURISMO, MALTA E SPAGNA I PIU' COLPITI

Nell'ultimo anno, il turismo è stato tra i settori più colpiti dalla pandemia, a causa delle restrizioni ai viaggi e di altre misure precauzionali adottate. Il numero di notti trascorse negli esercizi ricettivi turistici dell'Ue è diminuito del 61% tra aprile 2020 e marzo 2021 (1,1 miliardi), rispetto ai 12 mesi precedenti la pandemia (aprile 2019-marzo 2020: 2,8 miliardi).

Tra gli Stati membri, le diminuzioni più elevate sono state registrate a Malta (-80%) e in Spagna (-78%), seguite da Grecia (-74%), Portogallo (-70%) e Ungheria (-66 %). All'estremo opposto, Paesi Bassi e Danimarca hanno entrambi riportato cali del 36%.

Tra aprile 2020 e marzo 2021, rispetto ai 12 mesi precedenti, le notti trascorse dai non residenti nel Paese (ospiti internazionali) sono diminuite del 79%, mentre le notti trascorse dai residenti (ospiti domestici) sono diminuite del 45%. Durante questo periodo, il numero di notti trascorse da ospiti internazionali è diminuito in tutti gli Stati membri, con le maggiori diminuzioni osservate in Spagna (-90%), Romania (-89%), Ungheria e Finlandia (entrambe -88% ) e Cechia (-87%).

Solo i residenti in Slovenia (+25%) e Malta (+20%) hanno trascorso più notti di turismo all'interno del proprio Paese rispetto ai 12 mesi precedenti. Tuttavia, data l'importanza relativa del turismo interno in questi Paesi, questo aumento non ha potuto compensare il forte calo del turismo internazionale.

I PAESI COL MAGGIOR PENDOLARISMO PER LAVORO

Tra i 192 milioni di occupati di età compresa tra 15 e 64 anni nell'Ue nel 2020 , oltre 12 milioni di persone (il 6% di tutti gli occupati) hanno fatto i pendolari per lavorare da una regione all'altra all'interno del proprio Paese di residenza. Il tasso più alto di pendolarismo regionale è stato registrato in Belgio, dove il 21% degli occupati ha attraversato un confine regionale per andare a lavorare. Il pendolarismo era relativamente comune anche nei Paesi Bassi (13%), nonché in Lituania, Germania, Austria (11%) e Danimarca (10%).

Nel 2020, 2 milioni di occupati di età 15-64 anni, (1% di tutti gli occupati), hanno fatto i pendolari dalla propria regione di residenza a un altro Paese. Il tasso più elevato di pendolarismo transfrontaliero per lavoro a livello nazionale nel 2020 è stato registrato in Slovacchia, dove il 5% delle persone occupate si è recato per lavoro in un altro Paese, seguito da Estonia, Lussemburgo e Croazia (3% ciascuno).

Ti potrebbero interessare anche: