| 24 giugno 2021

Con Vita Supernova Torino capitale mondiale culturale

Con Vita Supernova Torino capitale mondiale culturale

Con la sua XXXIII edizione -Vita Supernova - il Salone internazionale del Libro di Torino torna in presenza, dal 14 al 18 ottobre 2021, a Lingotto Fiere, anche grazie al sostegno della Fondazione Crt e dell'Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte.

Nel settecentesimo anniversario dantesco e dopo un anno e mezzo senza precedenti nella storia contemporanea, il Salone torna ad accogliere grandi nomi della scena culturale mondiale per ripartire ragionando insieme sulla nuova vita che ci aspetta. E così la città di Torino torna a essere per cinque giorni una delle capitali mondiali della cultura, senza avere mai perso il rapporto con la comunità di lettori, editori, scuole del Salone, ma potendo finalmente ritrovarsi fisicamente.

Il tema: Vita Supernova. La supernova è un’esplosione stellare di enorme potenza: con la sua luce può illuminare ciò che altrimenti resterebbe al buio, ma la sua energia ha anche una forza distruttiva. Come sarà il pianeta con cui stiamo ricominciando a prendere confidenza dopo un periodo che fino a pochi anni fa sarebbe stato inimmaginabile? Saremo capaci di sciogliere tutta una serie di nodi, remoti e recenti, o ci troveremo di fronte a una moltiplicazione di nuovi problemi?

Il Salone convoca come sempre alcune delle più belle menti sparse in giro per il mondo, ma lo fa in una situazione completamente diversa da ciò che ci si sarebbe potuti aspettare un anno e mezzo fa. Tutela dell’ambiente, biodiversità, tenuta delle democrazie liberali in un mondo sempre più complesso, ricostruzione economica e giustizia sociale, il rapporto tra individuo e comunità, tra malattia e cura, tra vita e morte (e possibili, improvvise rinascite), la relazione con la scienza e con la tecnologia, le questioni di genere, i diritti delle minoranze, la libertà espressiva, il modo in cui l’Italia e l’Europa stanno ridefinendo il proprio ruolo e la propria identità in uno scacchiere mondiale in rapida trasformazione. Questi saranno alcuni dei temi del Salone.

L’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte conferma e implementa il proprio impegno a favore delle iniziative del Salone Internazionale del libro di Torino rivolte alla promozione della lettura delle giovani generazioni. 

Voltiamo pagina, inizia un nuovo capitolo: si torna al Salone del Libro in presenza, tra le letture e le voci che in quest'ultimo anno e mezzo di distanziamento fisico non hanno mai smesso di ‘illuminarci’ come una supernova, confermando quanto la cultura e la lettura possano davvero salvarci e accompagnarci a ‘riveder le stelle’ – ha affermato Giovanni Quaglia, il presidente della Fondazione Crt e dell’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte Anche quest’edizione conta sul convinto e significativo sostegno delle Fondazioni: sulle risorse di Fondazione Crt e su quelle dell’Associazione delle Fob piemontesi, che rende possibile ‘Adotta uno scrittore’. Questa iniziativa, unica in Italia, porta in classe gli autori contemporanei e consente a migliaia di studenti di entrare gratuitamente al Salone, con una novità: una copia dell’edizione speciale de ‘La Peste’ di Camus, donata a 6.000 ragazzi di tutta Italia”.

Tra le novità di quest’anno, Un libro tante scuole. Il progetto sostenuto dall’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte in collaborazione con Bompiani e il ministero dell’Istruzione, che ha distribuito seimila copie di un’edizione speciale targata Salone del Libro de La peste di Albert Camus ad altrettanti studenti e studentesse delle scuole Secondarie di Secondo Grado di 18 regioni, fornendo alle classi una videolezione e sei puntate di un podcast per approfondire la vita e le opere dello scrittore francese.

Grazie alla collaborazione con l’Alliance française di CuneoUn libro tante scuole allarga l’orizzonte alla lingua francese con approfondimenti stilistici e tematici sull’opera di Camus  per tutto l’anno scolastico 2021-2022 insieme a Yvonne Fracassetti e Samantha Novello. Hanno già aderito al progetto varie scuole dell’Alliance française di Torino, Bari, Cagliari e Foligno oltre a quella di Cuneo, abbracciando virtualmente tutta la Penisola.

Adotta uno Scrittore ha raggiunto la sua 19° edizione, portando anche quest’anno nelle classi e nelle carceri di otto regioni italiane autori e autrici di fama internazionale. Il progetto è sostenuto dall’Associazione delle Fondazioni di Origine Bancaria del Piemonte e dalla Fondazione con il Sud.

Con il contributo dell’Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte - inoltre - sono a disposizione 10.000 biglietti per gli studenti piemontesi e le scuole secondarie della regione che entreranno al Salone con uno sconto del 50% sul costo dell’ingresso.

Per maggiori informazioni consulta il sito del Salone Internazionale del Libro di Torino


Ti potrebbero interessare anche:

In Breve