Sfumature - 05 giugno 2021, 10:00

Tasse, l'ingiusto divario tra big e partite Iva

Tasse, l'ingiusto divario tra big e partite Iva

Le micro e piccole imprese italiane con fatturato inferiore ai cinque milioni di euro - costituite prevalentemente da artigiani, piccoli commercianti e partite Iva – nel 2019 hanno versato imposte erariali per 21,3 miliardi in più rispetto alle web companies presenti in Italia. Due anni fa, infatti, l’aggregato delle controllate appartenenti al settore del WebSoft ha versato al fisco italiano solo 154 milioni, pur avendo registrato nel nostro Paese un giro d’affari di 7,8 miliardi di euro e avendo oltre 11mila addetti. Nello stesso anno, invece, il popolo delle partite Iva (3,3 milioni), con meno di cinque milioni di fatturato, ha generato un fatturato di 814,2 miliardi e il suo contributo fiscale è stato di 21,4 miliardi: un importo di circa 140 volte superiore al gettito versato dalle multinazionali del web.

“E’ evidente che, ormai, ci troviamo di fronte a uno squilibrio del prelievo fiscale tra le piccole e le grandi imprese tecnologiche che la pandemia ha ulteriormente accentuato. Grazie al boom del commercio elettronico, ad esempio, in questi ultimi 15 mesi – denuncia la Cgia - le multinazionali del web presenti in Italia hanno aumentato ulteriormente i ricavi, mentre la grandissima parte delle micro e piccole imprese ha subito una contrazione degli incassi molto preoccupante. Pertanto, se per o primi il peso delle tasse continua a rimanere modesto, per i secondi il carico fiscale ha raggiunto livelli non più sopportabili, che nemmeno le misure anti Covid, approvate finora, hanno contribuito ad alleviare”.

Se il livello medio di tassazione di queste big tech è, secondo l’Area studi di Mediobanca, al 32,1%, nelle nostre piccolissime imprese si aggira attorno al 60%: praticamente quasi il doppio. “Ora – aggiunge la Cgia - nessuno chiede un inasprimento del carico fiscale nei confronti delle grandi imprese del web, ci mancherebbe; semmai è necessario abbassare drasticamente il peso delle tasse sulle piccole attività che, ancora oggi, rimane su livelli insopportabili. E’ comunque evidente che la mancata “trasparenza” fiscale di queste società tecnologiche costituisce un problema”.

Per questo, la Cgia guarda con soddisfazione l’accordo siglato nei giorni scorsi tra il Parlamento europeo e il Consiglio che impone alle multinazionali, alle loro controllate con un fatturato annuo di oltre 750 milioni di euro e che operano in più di un Paese, di pubblicare e rendere accessibile l’importo delle imposte versate in ciascun Stato membro.

Quali sono le ragioni per cui le controllate delle principali multinazionali del web attive in Italia possono beneficiare di un tax rate del 32,1%? Per il semplice motivo che circa la metà dell’utile ante imposte è tassato nei Paesi a fiscalità agevolata che ha dato luogo a un risparmio fiscale cumulato che, nel periodo 2015-2019, è stato di oltre 46 miliardi di euro.

Tuttavia, non sono solo i giganti stranieri del web a sfruttare la fiscalità di vantaggio concessa da molti Paesi europei. Da alcuni anni, infatti, anche alcuni grandi player italiani hanno trasferito la sede fiscale o quella legale, magari solo di una consociata, all’estero. “Stiamo parlando, ad esempio, di Cementir, Campari, Eni, Enel, Exor, Fca, Ferrari, Ferrero, Illy, Luxottica Group, etc.” precisa la Cna, aggiungendo che “molte di queste hanno deciso di spostare la sede legale nei Paesi Bassi, ad esempio, perché lì è possibile beneficiare sia di una legislazione societaria molto favorevole - che permette agli azionisti storici di avere il doppio dei voti in assemblea, modalità che consente di difendersi meglio da eventuali scalate provenienti da investitori stranieri - sia, eventualmente, di un trattamento tributario alquanto generoso, che il governo olandese riserva a ogni big company disposta ad aprire la sede fiscale ad Amsterdam”.

“Con queste operazioni, formalmente ineccepibili da un punto di vista fiscale-societario, si è però ridotta la base imponibile di coloro che pagano le tasse in Italia – conclude la Cna - penalizzando, in particolar modo le imprese di piccola e piccolissima dimensione che, a differenza delle grandi aziende, non hanno la possibilità di lasciare armi e bagagli e trasferirsi altrove”.

Ti potrebbero interessare anche:

SU