Mostre - 21 maggio 2021, 08:00

Ad Aosta la mostra "The Families of Man"

Da sabato 29 maggio, ad Aosta, nel Museo Archeologico Regionale di Piazza Roncas, la mostra “The Families of Man”. Il progetto espositivo, a cura di Elio Grazioli e Walter Guadagnini, riflette e racconta i grandi temi dell'uomo e della società degli ultimi decenni. Il progetto attuale, ideato in un periodo di inattesi mutamenti, rilegge l’impostazione della mostra degli anni Cinquanta in chiave esplicitamente sociale, a partire dagli eventi culturali, politici, tecnologici, che hanno determinato la formazione del mondo di oggi. L’esposizione al Museo Archeologico Regionale, guardando a quel modello leggendario in un contesto storico e culturale radicalmente diverso, organizza la narrazione intorno a due assi portanti: cronologico (1989-2000; 2001-2019; 2020) e tematico (la fine della modernità; il mondo connesso; la pandemia), per dare vita a un racconto per immagini dei più significativi sviluppi della società tra fine Novecento e primi decenni del Duemila, a partire dal cambiamento dell'immagine dell'uomo e di ciò che lo circonda. Le opere di oltre 50 fotografi italiani compongono un grande affresco sulla contemporaneità storica, sociale, economica, ambientale degli ultimi trent’anni: a partire dalla caduta del muro di Berlino, fino agli eventi legati al fenomeno ancora in corso della pandemia, che ha iscritto il 2020 tra le date storiche dell’umanità. La scelta di presentare solo autori italiani intende evidenziare la peculiare interpretazione che la nostra fotografia ha dato di accadimenti di portata universale, svelando il continuo dialogo tra identità e globalizzazione. In mostra si alternano fotografie di cronaca a fotografie di ricerca, comprendendo tutti i generi, così da restituire tanto il clima del periodo quanto l’evoluzione del linguaggio fotografico, legato anche agli sviluppi tecnologici oltre che alla società che i fotografi vivono, descrivono e interpretano. La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Electa (italiano/francese) che, oltre ai saggi dei due curatori, comprende un testo di taglio storico di Silvia Paoli dedicato alla mostra di New York e un contributo di Daria Jorioz che attraversa i diversi temi dell’esposizione di Aosta. I testi sono stati affidati a undici autori, studiosi ed esperti quali Roberta Carlini per i cambiamenti economici nel mondo globale, Marco Belpoliti sull'attualità e la pandemia o ancora Giorgio van Straten per una riflessione su futuro e ripartenza.

Ti potrebbero interessare anche:

SU