Notizie | 20 aprile 2021

Dea Capital verso nuovi acquisti di azioni proprie

L’assemblea degli azionisti di Dea Capital (gruppo De Agostini di Novara), oltre al bilancio 2020, chiuso con un risultato netto positivo per 25,4 milioni di euro (rispetto a 12,5 milioni nel 2019), portato integralmente a riduzione delle perdite pregresse

Nicola Drago, neo consigliere Dea Capital

Nicola Drago, neo consigliere Dea Capital

L’assemblea degli azionisti di Dea Capital (gruppo De Agostini di Novara), oltre al bilancio 2020, chiuso con un risultato netto positivo per 25,4 milioni di euro (rispetto a 12,5 milioni nel 2019), portato integralmente a riduzione delle perdite pregresse, ha approvato a titolo di dividendo straordinario la distribuzione parziale della riserva sovrapprezzo azioni nella misura di 0,10 euro per azione, per un ammontare complessivo pari a circa 26 milioni e ha autorizzato il Consiglio di amministrazione a porre in essere atti di acquisto e di disposizione, in una o più volte, di un numero massimo di azioni della società sino a una partecipazione non superiore al 20% del capitale (ovvero circa 53,3 milioni di azioni). Le azioni proprie in portafoglio al 31 dicembre 2020 erano 6.922.403, par al 2,6% circa del capitale e a oggi sono 5.734.546, corrispondenti al 2,2% circa.

Inoltre, l’assemblea ha approvato un nuovo piano di incentivazione denominato “Piano di Performance Share DeA Capital 2021-2023” riservato ad alcuni dipendenti e/o amministratori di DeA Capital, delle società controllate e della società controllante De Agostini. Questo Piano prevede l’assegnazione gratuita ai beneficiari individuati dal Consiglio stesso, entro e non oltre il 31 dicembre 2021, di massime 1.750.000 units, ciascuna delle quali conferisce al beneficiario il diritto di ricevere gratuitamente, alla scadenza del periodo di vesting e al raggiungimento di determinati obiettivi di performance, un' azione dellasSocietà. È previsto che le azioni eventualmente assegnate ai sensi del Piano siano rivenienti dalle azioni proprie in possesso della società.

Infine, l'assemblea ha nominato consigliere di amministrazione Nicola Drago, che era stato cooptato il 12 maggio 2020. Classe 1978, dopo la laurea in Ecomomia aziendale alla Bocconi, Nicola Drago ha lavorato in Sonenshine e in McKinsey e ha conseguito un Mba alla Columbia University di New York. Dal 2008 ha ricoperto diversi incarichi nel gruppo De Agostini; nel 2016 è stato nominato amministratore delegato di De Agostini Publishing e nel 2020 ad della De Agostini Editore, la holding editoriale del gruppo. Fra l'altro ha co-fondato Connect Ventures, fondo di venture capitale e siede nel consiglio di amministrazione di diverse società.

Ti potrebbero interessare anche: