Notizie | 07 aprile 2021

Un accordo tutto genovese per l'idrogeno verde

Axpo Italia, terzo operatore sul mercato libero dell’energia in Italia e parte del Gruppo Axpo, leader internazionale nella commercializzazione di energia rinnovabile, e Rina, gruppo multinazionale specializzato in servizi di certificazione e di consulenza ingegneristica, hanno siglato un protocollo d'intesa della durata di due anni con l'obiettivo di costruire una solida filiera dell’idrogeno che unisca diversi stakeholder.

Ugo Salerno, ad Rina

Ugo Salerno, ad Rina

Axpo Italia, terzo operatore sul mercato libero dell’energia in Italia e parte del Gruppo Axpo, leader internazionale nella commercializzazione di energia rinnovabile, e Rina, gruppo multinazionale specializzato in servizi di certificazione e di consulenza ingegneristica, hanno siglato un protocollo d'intesa della durata di due anni con l'obiettivo di costruire una solida filiera dell’idrogeno che unisca diversi stakeholder.

Tra le attività previste dall’accordo: lo sviluppo di iniziative correlate all’idrogeno verde in diversi settori industriali; l’impegno a coordinare studi di ricerca tecnologica sulla catena di fornitura dell'idrogeno; l’analisi, gli studi e le simulazioni per la produzione di idrogeno; la definizione di un programma pilota per la produzione di idrogeno verde. Le due società, inoltre, co-parteciperanno a progetti di ricerca e sviluppo finanziati per conto dell'Ue e si impegneranno nello sviluppo del comparto della finanza verde e degli eco-investimenti.

Grazie a questa collaborazione, Rina e Axpo Italia, imprese entrambe genovesi, avranno la possibilità di investire ulteriormente su innovazione tecnologica, rafforzando il rispettivo posizionamento tra i player italiani più rilevanti nella green economy e, al contempo, creando nuove possibilità di sviluppo in un mercato in crescita.

Rina metterà a disposizione le proprie conoscenze sui materiali compatibili con l’idrogeno ed il suo know-how nell’ambito delle analisi, degli studi e dei test per lo stoccaggio. L'azienda, unica in Italia, vanta competenze ingegneristiche specifiche per supportare le industrie nella transizione verso un più esteso utilizzo dell’idrogeno. In particolare, possiede, con l’Università della Calabria, il primo laboratorio in Italia (uno tra i pochissimi al mondo) capace di eseguire test ad altissima pressione (fino a 1.000 bar) per lo stoccaggio di gas tra i quali l’idrogeno.

A sua volta, Axpo, nel settore dell'idrogeno verde sta già sviluppando il know-how necessario e intende realizzare progetti all'avanguardia proprio grazie a collaborazioni come quella con Rina. L'idrogeno verde rappresenta, infatti, una tecnologia chiave per la transizione energetica e la decarbonizzazione.

Nata in Svizzera nel 1914, Axpo è presente in oltre in 30 Paesi e occupa più di 5.000 persone. La controllata Axpo Italia, fondata nel 2000, ha la sua sede centrale a Genova.

Ti potrebbero interessare anche: