Pininfarina: nel 2020 rosso di 24,4 milioni

L’esercizio 2020 si chiude per il gruppo Pininfarina con un valore della produzione di 67 milioni di euro, in diminuzione del 26% rispetto al 2019. Il calo ha riguardato tutte le società/settori a eccezione della fornitura di servizi di stile e architettura sul mercato americano gestite dalla Pininfarina of America. Il margine operativo lordo, già negativo per 1,7 milioni nel 2019, mostra nel 2020 un valore negativo di 7,1 milioni. Il risultato operativo è negativo per 21,5 milioni, rispetto alla perdita di 19,4 milioni del 2019. La gestione finanziaria evidenzia al 31 dicembre oneri netti per 1,9 milioni rispetto a 1,5 milioni di un anno prima. Il risultato netto dell’esercizio 2020 è quindi negativo per 24,4 milioni e si confronta con una perdita netta del 2019 pari a 23,1 milioni.
Il patrimonio netto al 31 dicembre 2020 ammonta a 34,2 milioni di euro (-4,8 milioni di euro rispetto al 2019) principalmente per il saldo positivo tra la perdita netta 2020 e il contributo in conto futuro aumento di capitale di 20 milioni di euro erogato dall’azionista di maggioranza nel novembre 2020. La posizione finanziaria netta è positiva per 2,4 milioni di euro rispetto al valore negativo di 12 milioni di euro del 31 dicembre 2019. Il miglioramento è sostanzialmente dovuto al già citato contributo finanziario ricevuto dal gruppo Mahindra. Il personale al 31 dicembre 2020 risultava pari a 639 unità (672 un anno prima).
“Dopo avere effettuato le necessarie verifiche e avere valutato le incertezze – ha comunicato la Pininfarina - la direzione ha la ragionevole aspettativa che la società e il gruppo abbiano a disposizione adeguate risorse per continuare l’esistenza operativa in un prevedibile futuro, così come previsto dai principi contabili di riferimento. Per le ragioni sopra esposte, gli amministratori ritengono corretto l’utilizzo del presupposto della continuità aziendale nella predisposizione della relazione finanziaria annuale presentata”.