In Valle d'Aosta sempre meno stranieri fotografia demografica scattata dall'Istat

La Valle d’Aosta al 31 dicembre 2019 aveva 125.034 abitanti, 619 abitanti in meno rispetto all’anno precedente e 1.772 abitanti in meno rispetto al Censimento 2011. Lo ha censito l'Istat, aggiungendo che rispetto al 2011 i residenti sono diminuiti in 47 comuni su 74. Nei restanti 27, invece, sono aumentati di poche unità, a eccezione del comune di Quart, passato da 3.872 a 4.045 (+173) e Valtournenche, dove sono saliti da 2.147 a 2.255 (+108). Il comune più popoloso è Aosta con 33.916 abitanti, quello più piccolo è Rhêmes-Notre-Dame, con 85 abitanti.
La struttura per genere della popolazione residente si caratterizza per una maggiore presenza di donne: 63.913, il 51,1% del totale. L’età media è 46 anni contro i 45,2 dell’Italia. Il confronto con i dati del Censimento 2011 evidenzia un progressivo invecchiamento della popolazione, con ritmi di poco superiori alla media nazionale. La quota di residenti di 65 anni e più cresce di 2,9 punti percentuali nella regione e di 2,4 in Italia. Il comune più giovane è Gressoney-La-Trinité, con una età media di 41,6 anni; quello più vecchio è Chamois, dove l’età media è pari a 53,8 anni.
Nel periodo 2011-2019 la popolazione di cittadinanza straniera è diminuita dello 0,4% in media ogni anno. L’età media degli stranieri è più bassa di 10,6 anni rispetto a quella degli italiani (36,1 anni contro 46,7 nel 2019). Anche la popolazione straniera è sottoposta a un processo di invecchiamento, con un aumento dell’incidenza della popolazione di 50 anni e più, che passa dal 13,4% del 2011 al 21,6% del 2019. Nel 2019, più della metà (55%) degli stranieri residenti in Valle d’Aosta proviene dall’Europa, il 29,4% è originario di un Paese africano mentre i cittadini di Asia e America rappresentano, rispettivamente, il 7,9% e il 7,6% del totale. I cittadini rumeni sono il 29% del totale degli stranieri residenti e costituiscono la comunità straniera più numerosa, seguiti dai marocchini (19%) ed albanesi (8,5%). Il rapporto di genere nella popolazione straniera è eterogeneo rispetto alle varie provenienze. L’incidenza della popolazione femminile prevale tra coloro che provengono dall’Unione Europea (64,9%) e dall’America Centro Meridionale (66,4%).
In Valle d'Aosta, le persone con un titolo universitario e superiore sono aumentate dal 10,8% dal 2011 al 13,1% del 2019. Tra la popolazione residente di 15 anni e più, le forze di lavoro sono risultate 60.224, lo 0,7% in meno rispetto al 2011. Il lieve decremento delle persone attive sul mercato del lavoro è dovuto alla diminuzione degli occupati (-3,5%). In aumento, invece, le persone in cerca di occupazione: nel 2019 sono 4.832, circa 1.600 in più rispetto al precedente censimento (+49,9%). Comunque il tasso di disoccupazione era dell'8%, a fronte del 13,1% medio italiano.