Fondazione Crc: 22 milioni per il Cuneese aumentate le risorse e le attività del 2021

Il Consiglio generale della Fondazione Crc di Cuneo, presieduta da Giandomenico Genta, ha approvato all’unanimità il Programma Operativo 2021, che delinea l’attività progettuale ed erogativa per l’anno in corso: sono previste erogazioni per 22 milioni di euro di risorse a beneficio della provincia, cifra superiore a quella quota indicata dal Piano Pluriennale. Il documento è stato aggiornato alla luce delle nuove priorità e delle sfide individuate. Il Programma Operativo 2021 è scaricabile online dal 2 febbraio, sul sito www.fondazionecrc.it.
La novità più rilevante introdotta nel Programma Operativo 2021 è l’articolazione delle iniziative promosse (bandi e progetti) secondo le tre sfide individuate dal Piano quadriennale: + sostenibilità, + comunità, + competenze.. Per ognuna di esse, il documento riporta le iniziative che verranno promosse nel 2021. Qui di seguito una selezione di alcune delle più significative: per uno sviluppo green (dotazione complessiva di 4,8 milioni di euro): o bando Nuove Energie (pubblicazione a maggio 2021); Progetto Circol-Azione. Economia circolare e lotta allo spreco (avvio a giugno 2021); bando Patrimonio Culturale e Turismo Sostenibile (pubblicazione a maggio 2021).
Per il benessere delle persone (dotazione complessiva di 4,2 milioni di euro): bando Giovani in Azione (pubblicazione a giugno 2021): Progetto Famiglia e Welfare (avvio ad aprile 2021); Progetto Rigenerare Territori Marginali (avvio a ottobre 2021). Per l’innovazione e il futuro (dotazione complessiva di 4,9 milioni di euro): bando Attrazione Risorse (sempre aperto); Progetto Insieme per lo Studio (pubblicazione bando per le borse di studio ad aprile 2021); Progetto Salute Digitale (avvio ad aprile 2021).
A fianco delle nuove iniziative, proseguono le attività dei progetti pluriennali che hanno preso avvio nelle scorse annualità e le nuove edizioni di bandi già sperimentati negli anni passati. Tra queste, si segnalano, in particolar, due bandi che hanno avuto nelle passate edizioni significativi riscontri e che sono aperti: il bando Distruzione (budget complessivo di 500mila euro, scadenza della prima fase venerdì 26 marzo 2021); il bando Nuova Didattica (budget complessivo di 685mila euro, scadenza 31 marzo 2021).
Confermate le tre sessioni erogative: sessione erogativa generale, con scadenza il 26 febbraio 2021; sessione per eventi e attività sportive primavera-estate, scaduta il 29 gennaio 2021 (delibera prevista a marzo 2021); sessione per eventi e attività sportive autunno-inverno, con scadenza il 25 giugno 2021 (delibera prevista a settembre 2021). Confermate le regole per il cofinanziamento obbligatorio nelle sessioni erogative (tutte le richieste di importo superiore a 5.000 euro dovranno garantire un cofinanziamento almeno pari al 20% del costo totale dell’iniziativa, così come tutte le richieste di importo superiore a 20.000 euro dovranno garantire un cofinanziamento almeno pari al 30% del costo totale dell’iniziativa) e la soglia massima dei 40.000 euro per i contributi sugli interventi di tipo infrastrutturale.
A fianco delle risorse erogative, il Programma Operativo declina le azioni specifiche con cui la Fondazione cuneese darà seguito ai nuovi ruoli individuati dal Piano Pluriennale: costruzione di alleanze con i diversi attori locali, finalizzate in questo momento in particolare al superamento della crisi innescata dalla pandemia; attrazione di risorse e donazioni, anche attraverso il progetto Donare e il progetto Crc Innova; investimenti a impatto positivo per il territorio, in campo sociale, ambientale e dello sviluppo locale; analisi e visioni di futuro, attraverso la prosecuzione dell’attività di ricerca, l’approfondimento della situazione socio-economica e i laboratori d’innovazione su temi di particolare interesse; la formazione, attraverso l’offerta di occasioni di approfondimento e di crescita culturale.
“In un periodo di particolari difficoltà per tutta la nostra comunità e nonostante il protrarsi del blocco dei dividendi dagli investimenti bancari, la Fondazione Crc riesce a garantire per il 2021 una quota erogativa di 22 milioni di euro, due milioni al di sopra dei 20 previsti dal Piano Pluriennale” ha detto il presidente della Fondazione Crc, Giandomenico Genta, rimarcando l’attenzione ai giovani e alle piccole realtà della provincia.