Segre in pole per rilevare Invest Banca

La famiglia dei Segre di Torino, noti come commercialisti dei De Benedetti e per essere stati, fra l'altro, tra i fondatori di Banca Intermobiliare (Bim), è in pole position per acquisire Invest Banca, piccolo istituto attivo tra il Lazio e la Toscana specializzato in servizi di investimento, finito in amministrazione straordinaria. I commissari hanno comunicato che “al termine di una procedura che ha coinvolto diversi soggetti, è stata concessa un’esclusiva alla famiglia Segre, in relazione alla trattativa finalizzata all’acquisizione della partecipazione di controllo della banca. Le attività propedeutiche alla finalizzazione dell’operazione saranno svolte nelle prossime settimane”.
Invest Banca, con sede a Empoli, vede nel capitale la presenza di diverse banche di credito cooperativo. Tra i maggiori soci di Invest Banca figurano 12 piccole banche dell’Alto Lazio e della Toscana.
Tra fine anni 90 e i primi anni 2000, i Segre sono stati al centro della finanza italiana. Franca Bruna Segre (scomparsa nel 2014, a 88 anni) e il figlio Massimo erano gli azionisti di Cofito, di Banca Intermobiliare (Bim) e dell’Ipi, storica società immobiliare torinese appartenuta alla Fiat (è stata anche quotata). Ma i Segre allora erano soprattutto i registi della finanza sabauda che si dava appuntamento nel loro studio di commercialisti di via Valeggio, alla Crocetta. Fra l'altro, Massimo Segre, il numero uno, possiede la maggioranza di Directa Sim e dell'Ipi.