Per supportare imprese di Confcommercio Intesa Sanpaolo stanzia al tre miliardi nuovo credito per 300 milioni in Piemonte

Confcommercio-Imprese per l’Italia e Intesa Sanpaolo hanno siglato un nuovo accordo per ampliare con ulteriori tre miliardi di euro il supporto di due miliardi già varato nel mese di marzo 2020 per le imprese associate alla Confederazione. L’accordo nazionale è già pienamente operativo sul territorio, dove la rete associativa di Ascom Confcommercio e le filiali di Intesa Sanpaolo hanno coordinato la comunicazione alle imprese e le modalità di collaborazione per fare arrivare agli operatori la liquidità necessaria per fronteggiare la crisi.
Nel dettaglio, Intesa Sanpaolo propone agli associati Confcommercio finanziamenti di 18 mesi meno un giorno, di cui sei di pre-ammortamento, finalizzati anche ad anticipare i crediti di imposta che matureranno sugli affitti e finanziamenti fino a sei anni, con preammortamento di 24 mesi, per esigenze di liquidità a fronte della riduzione di fatturato. Le soluzioni di finanziamento potranno essere abbinate alle misure del Decreto Liquidità per l’accesso al Fondo Centrale di Garanzia e alla Garanzia Italia di Sace.
Il gruppo bancario italiano, inoltre, estenderà fino a giugno 2021 agli associati Confcommercio i benefici dell’accordo per accedere ai portafogli di finanziamento tranched cover del valore di 100 milioni di euro, per favorire gli investimenti e supportare la necessità di liquidità a condizioni vantaggiose, mentre sarà estesa a fine 2021 la convenzione che riguarda la restituzione delle commissioni sulle transazioni fino a dieci euro effettuate tramite pos Intesa Sanpaolo. Confcommercio e Intesa Sanpaolo si avvarranno ,inoltre, del sistema dei Confidi attivando tavoli di confronto per declinare al meglio le iniziative sul territorio.
Per Maria Luisa Coppa, presidente di Confcommercio Ascom Torino e provincia. “le particolari condizioni dell’accordo, con un costo di istruttoria particolarmente conveniente per le nostre imprese associate, sono una risposta importante per consentire alle aziende del commercio, della somministrazione, del turismo, pesantemente colpite dalle misure restrittive, di trovare la liquidità necessaria per far fronte all’emergenza e, soprattutto, per tornare ad investire, non appena possibile”.
Per Teresio Testa, direttore regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria di Intesa Sanpaolo: “L’aggiornamento dell’accordo con Confcommercio si traduce in potenziali 300 milioni di nuovo credito per il Piemonte. Quando abbiamo siglato il primo accordo, quasi un anno fa, eravamo all’inizio della pandemia e ritenemmo importante dare subito un segnale di vicinanza alle imprese. Con questo rinnovo confermiamo la volontà di continuare a sostenerle nel percorso che ci porterà a superare questa imprevedibile crisi e a costruire assieme un possibile rilancio”.