Isp Assicura amplia l'offerta salute

L’innovativo prodotto modulare “XME Protezione” di Intesa Sanpaolo Assicura, che dal 2018 offre ai 12 milioni di clienti di Intesa Sanpaolo la possibilità di proteggere con un unico contratto assicurativo la salute, la casa e la famiglia, amplia la sua proposta con una nuova offerta dedicata alla salute, venendo incontro alle esigenze dei clienti in un momento nel quale la richiesta di protezione della propria salute è ancora più forte. Grazie all’acquisizione di Rbm Salute, vengono ora messe a disposizione le competenze della società leader nel mercato dell’assicurazione sanitaria, integrando la copertura salute con nuovi moduli che potenziano, in particolare, l’offerta di rimborso delle spese mediche che più frequentemente sono pagate direttamente dagli assicurati e dei protocolli di prevenzione e diagnosi precoce.

A partire dal 23 gennaio, i clienti che sottoscriveranno “XME Protezione” agli sportelli della Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, o tramite l’offerta a distanza, avranno a disposizione, per sé e per i propri familiari, un’offerta più ampia e organica di coperture: rimborso delle spese mediche da infortuni e malattia derivanti da ricoveri, day hospital, day surgery, interventi chirurgici, esami diagnostici (di base e avanzati), visite specialistiche e analisi di laboratorio; rimborso delle spese per farmaci generici e del costo del ticket per farmaci dispensati dal servizio sanitario nazionale; rimborso delle spese per l’acquisto di lenti e occhiali e protezione del benessere visivo, con copertura, inoltre, anche degli interventi di chirurgia refrattiva e cataratta.

Inoltre: trattamenti fisioterapici, con rimborso anche dei trattamenti riabilitativi per infortunio e alcune gravi malattie; protocolli di prevenzione e di diagnosi precoce, con rimborso di pacchetti di visite ed esami di prevenzione mirati, attivabili dal cliente, quali ad esempio la prevenzione cardiovascolare, oncologica, dermatologica, o pediatrica; indennizzo in caso di positività ad una sindrome influenzale di natura pandemica; ampliamento del modulo malattie gravi, che già offre un capitale in caso di diagnosi di una grave malattia come infarto, ictus e tumore, con l’aggiunta di una tutela specifica per le principali patologie neurodegenerative (Parkinson, Alzheimer e Demenza Senile).