Alleanza genovese nell'agro-tecnologico Fos e Santagata creano "Piano Green"

 Una nuova alleanza tutta ligure in ambito agro-tecnologico. Fos Greentech, controllata dalla Fos, pmi genovese di consulenza e ricerca tecnologica, quotata al segmento Aim di Borsa Italiana, e Santagata 1907, con sede a Genova, specializzata nella selezione e commercializzazione di oli di oliva ed extravergini di alta qualità con i marchi “Santagata” e “Frantoio Portofino”, hanno costituito una startup innovativa denominata “Piano Green”.
La wewco, il cui capitale sociale è detenuto al 65% da Fos Greentech e al 35% da Santagata, sarà dedicata alla commercializzazione dei risultati ottenuti dalla divisione Engineering and Technology Transfer di Fos in ambito ricerca e sviluppo per smart agriculture. Piano Green avrà sede legale a Bolzano e sedi operative a Caserta e Genova. In particolare, ha l’obiettivo di commercializzare il “Microcosmo”, sistema brevettato utile ai laboratori pubblici e privati del settore agroalimentare per simulare, in un ambiente indoor altamente innovativo, la coltura in campo. Il “Microcosmo” è un brevetto Fos, in contitolarità con Enea, di cui la newco ha concordato l’esclusiva per la commercializzazione.
Altro prodotto che verrà commercializzato dalla Piano Green è rappresentato dalle trappole smart “Eye-Trap” nate nei laboratori di ricerca e sviluppo di Fos, utili al settore agricolo per controllare e monitorare in modo intelligente e tempestivo la lotta fitosanitaria. La gestione di Piano Green vedrà il coinvolgimento di personale Fos, nella gestione operativa, tecnica e produttiva e del personale Santagata nella gestione dell’attività di processo. Piano Green sarà seguita, per le attività di sviluppo business, da Fabienne Moretta, agronomo, già impegnata nella direzione e gestione strategica dell’azienda viti-vinicola fondata da NilsLiedholm.
Santagata, fondata nel 1907 da Giovanni Battista Santagata, fornisce i migliori oli di oliva nel rispetto delle più restrittive norme europee e attraverso un severo sistema di controllo qualità e sicurezza. L’attività si distingue in due aree: la selezione e commercializzazione del prodotto sfuso, creato appositamente per importanti brand nazionali e internazionali e la selezione e commercializzazione del prodotto confezionato destinato al consumatore finale. L’azienda distribuisce i suoi prodotti in oltre 40 Paesi del mondo. Amministratore delegato è Cristina Santagata, che lo è anche della Raineri.
Al vertice della Fos, invece, si trovano Matteo Pedrelli, vice presidente e amministratore delegato, incarico quest'ultimo che condivide con Enrico Botte.
Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano, il mercato italiano dell’Agricoltura 4.0 continua a crescere: nel 2019 ha raggiunto il valore di 450 milioni di euro (+22% rispetto al 2018), con la maggior parte della spesa concentrata in sistemi di monitoraggio e controllo (il 39% della spesa), software gestionali (20%) e macchinari connessi (14%), seguiti da sistemi di monitoraggio da remoto dei terreni (10%), di mappatura (9%) e di supporto alle decisioni (5%).