Valle d'Aosta campione 2019 per consumi

Nel 2019, il Pil in volume a livello nazionale è aumentato dello 0,3% rispetto all’anno precedente. Lo ha appena comunicato l'Istat, precisando che il Nord-Est mostra la migliore performance, con una crescita del Pil dello 0,5%; mentre nel Nord-Ovest il Pil è aumentato dello 0,4%. In questa ripartizione la crescita è stata rallentata dalla dinamica negativa dell’Industria (-0,6%), dell’Agricoltura (-2,6%) e degli Altri servizi (-0,3%), mentre il valore aggiunto delle Costruzioni è aumentato del 2,3%. La crescita al Centro si è attestata a +0,3%. La crescita più lenta si registra nel Mezzogiorno, dove il Pil è aumentato dello 0,2%. Alla crescita dell’attività produttiva si è accompagnato, nel 2019, a livello nazionale, un aumento in volume sia dei consumi finali delle famiglie (+0,6%) sia del reddito disponibile delle famiglie (+1%).
A livello locale, è la Provincia autonoma di Bolzano a registrare la crescita del Pil in volume più elevata, con un aumento dell’1,5% rispetto all’anno precedente, seguita dalla Sardegna, dove il Pil è cresciuto dello 0,8%, Lombardia, Emilia-Romagna e Puglia (+0,7%). Sopra la media nazionale si posizionano anche Umbria (+0,6%), Veneto e Toscana (entrambe con un incremento dello 0,4%). Invece, il Pil 2019 segna una diminuzione in Liguria, Campania, Molise (-0,1%), Piemonte e Provincia Autonoma di Trento (-0,2%). Quanto alla spesa delle famiglie per consumi, gli incrementi più significativi si registrano nel Lazio (+1,1%) e nella Provincia autonoma di Bolzano (+1%), seguite
Con 36.800 euro nel 2019 (36.500 nel 2018) il Nord-Ovest resta l’area geografica con il Pil per abitante più elevato (misurato in termini nominali). Seguono il Nord-Est, con 35.500 euro (35.100 nel 2018) e il Centro, con 32.100 euro (31.700 euro 2018). Il Mezzogiorno, con 19.200 euro (poco più della metà di quello del Nord-Ovest), supera lievemente il livello del 2018 (19mila euro). La graduatoria regionale vede in testa la Provincia Autonoma di Bolzano, con un Pil per abitante di 48.100 euro, seguita da Lombardia (39.700) e Valle d’Aosta (38.800).
Nel 2019 in Italia la spesa per consumi finali delle famiglie per abitante, valutata a prezzi correnti, è stata di 18.100 euro. I valori più elevati di spesa pro capite si registrano nel Nord-Ovest (20.800 euro) e nel Nord-Est (20.600); il Mezzogiorno si conferma, invece, l’area in cui il livello di spesa è più basso (13.900 euro). A un maggior dettaglio territoriale, il più alto livello di consumi finali pro capite si registra in Valle d’Aosta e nella Provincia Autonoma di Bolzano (rispettivamente 25.700 e 24.800 euro), mentre il livello più contenuto si registra in Campania (12.800 euro).