Road map di Fondazione Crt per costruire la prima "Agenda della disabilità" in Italia

Si chiama “Agendo per l’Agenda” ed è la road mapp avviata da Fondazione Crt, insieme alla Consulta per le Persone in Difficoltà, per costruire la prima Agenda della Disabilità in Italia: un piano di azioni concrete “firmato” dalle istituzioni e dalla società civile, sulla base delle proposte e delle esigenze - mutate anche alla luce dell’emergenza sanitaria - delle organizzazioni non profit, che quotidianamente si impegnano per le persone con disabilità, le loro famiglie e le comunità.
L’Agenda – che sarà pronta per il 3 dicembre 2021, in occasione della prossima Giornata Internazionale per la Disabilità – sarà costruita attorno a sei temi strategici: abitare sociale, sostenere le famiglie, vivere il territorio, lavorare per crescere, imparare dentro e fuori la scuola, curare e curarsi. Sulla base di questi goal verranno definite, nel corso del 2021, le linee d’azione concrete per migliorare l'inclusione delle persone con disabilità, che sono oltre tre milioni in Italia (il 5,14% della popolazione), di cui circa 225.000 in Piemonte e Valle d'Aosta (dati Istat 2019).
Per consentire alla collettività di partecipare allo sviluppo di progettualità innovative capaci di incidere realmente nei processi di integrazione e inclusione sociale, è attiva la comunità virtuale www.agendoperlagenda.it: una piattaforma aperta a tutti - associazioni, istituzioni, corpi intermedi, singoli cittadini anche di altri territori – in linea con il principio di sussidiarietà. In particolare, nel primo semestre del 2021 il percorso verso l'Agenda inizierà a coinvolgere circa 150 organizzazioni non profit che operano nell'ambito della disabilità in Piemonte e Valle d'Aosta, mentre nel secondo semestre le riflessioni saranno condivise con una sessantina di portatori di interesse della società civile: università, imprese, esercizi commerciali, realtà dell’associazionismo, ecc.
La Fondazione Crt – dichiara il suo presidente, Giovanni Quaglia - insieme alla Consulta per le Persone in Difficoltà, vuole dare vita a una vera e propria community capace di parlare con una sola voce e di raccogliere nuove sfide: con l’Agenda della Disabilità scriveremo il futuro dell’inclusione assieme alle istituzioni e alle organizzazioni non profit per una società realmente ‘di’ tutti e ‘per’ tutti”.