La saluzzese Eviso all'esordio in Borsa

Un'altra società piemontese in Borsa Italiana. Oggi, 30 dicembre, a Piazza Affari, su Aim Italia, ha esordito Eviso, impresa di Saluzzo specializzata nella fornitura di energia elettrica. In fase di collocamento Eviso, ha raccolto 9 milioni di euro, di cui 0,3 milioni riservati all’esercizio dell’opzione greenshoe in vendita. Il flottante al momento dell’ammissione è del 20,9% assumendo l’integrale esercizio dell’opzione greenshoe e la capitalizzazione è pari a circa 43 milioni di euro. La società è stata assistita da Alantra in qualità di Nomad e Ubi Banca in qualità di Global Coordinator.
Gianfranco Sorasio, presidente e amministratore delegato di Eviso, ha dichiarato: “Eviso si è affermata nel settore dell’intelligenza artificiale sviluppando una piattaforma che crea valore nel mercato delle commodities fisiche con consegna reale, caratterizzate da una data di consegna certa e inderogabile. Il nostro obiettivo è sempre stato seguire un percorso di crescita di miglioramento continuo, pertanto siamo molto orgogliosi del nostro ingresso in Borsa che ci permetterà di sviluppare ulteriormente il nostro business”.
Laureato in ingegneria nucleare al Politecnico di Torino, Gianfranco Sorasio, ha conseguito il dottorato in Fisica alla Umea University in Svezia e successivamente ha svolto un Executive master in Owner/President Management ad Harvard , un Executive program in Leading Innovation nel 2010 e un Executive program in “Achieving Breakthrough Service. Dal 2007 al 2012 ha ricoperto il ruolo di consigliere di amministrazione della Ws Energia, società costituita in Portogallo. Dal 2016 riveste è consigliere di amministrazione Iscat e da giugno 2020 della società Gd System. Con Gianfranco Sorasio completano il consiglio di amministrazione Mauro Bellino Roci, Joao Wemans, Antonio Di Prima e Roberto Vancini. Federica Berardi, già responsabile finanza, è stata nominata investor relations manager.
Il capitale sociale della Eviso è costituito da 24.571.428 azioni, possedute per il 52,9% dalla O Caminho (13 milioni di azioni) per il 14% dalla Iscat e per il 12,2% dalla Pandora. La società conta una quarantina di dipendenti e un giro d'affari di 48 milioni di euro. Nel primo semestre di quest'anno ha conseguito un utile di 1,2 milioni.
Al termine della sua prima seduta, Eviso ha chiuso le negoziazioni con l'azione a 2,05 euro, prezzo superiore del 17,14% a quello della quotazione.