Risparmio gestito: gruppo Intesa Sanpaolo a ottobre secondo, superato da Schroders

In ottobre, l’industria del risparmio gestito ha totalizzato in Italia una raccolta netta pari a circa tre miliardi di euro, grazie in particolare al risultato registrato dai fondi aperti di lungo termine (+4,3 miliardi). Le sottoscrizioni registrate dai fondi aperti ammontano a 2,2 miliardi. Questo dato ha portato il saldo positivo delle sottoscrizioni del sistema da inizio anno a 17,3 miliardi. Le gestioni collettive hanno raccolto 2,4 miliardi, mentre sono entrati nelle casse delle gestioni di portafoglio 553 milioni. Il patrimonio gestito a fine ottobre si è assestato a 2.334,5 miliardi, vicino ai suoi massimi storici. Il 48,7% delle masse (1.137 miliardi) è rappresentato dalle gestioni collettive, mentre il restante 51,3% (1.198 miliardi) è investito nei mandati.
Per quanto riguarda gli operatori, dalla rilevazione di Assogestioni, la loro associazione nazionale, è emerso che il primo posto per raccolta netta in ottobre è stato conquistato da Schroders con 4,316 miliardi. Cifra nettamente superiore anche a quella del gruppo Intesa Sanpaolo, secondo con 1,383 miliardi. Al risultato del gruppo che ha come principale azionista la Fondazione Compagnia di San Paolo, Eurizon ha contribuito con la raccolta netta di 953,2 milioni, la torinese Fideuram con 202,9 milioni e Pramerica con 226,8 milioni.
In terza posizione si è classificata Axa con 472 milioni, in quarta Poste Italiane con 366,4 milioni e in quinta Azimut con 112,2 milioni. Il leader del mercato italiano, il gruppo Generali, in ottobre ha avuto un saldo negativo di 1,936 miliardi tra nuove sottoscrizioni e recessi.
Una raccolta netta positivita è stata fatta registrare anche da Sella (+69,4 milioni), mentre è stata negativa sia per il gruppo Ersel (-65,6 milioni) sia per il gruppo Bim-Banca Intermobiliare, entrambi torinesi.
A fine ottobre, comunque, il gruppo Generali, presieduto dal piemonte Gabriele Galateri di Genola, resta saldamente in testa alla graduatoria italiana per patrimonio gestito con 539,8 miliardi, davanti al gruppo Intesa Sanpaolo, secondo con 491 miliardi. Terzo è Amundi con 192,6 miliardi, quarto Anima Holding con 188,2 miliardi e quinto Poste Italiane con 107,8 miliardi