Per Iren un'acquisizione da 121 milioni

Iren Ambiente, controllata interamente da Iren, ha perfezionato l’acquisto della Divisione Ambiente allargata di Unieco, le cui attività sono distribuite su un territorio che comprende Piemonte, Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Puglia. Si conclude così la procedura di gara, iniziata nell’ottobre 2019, che ha avuto come oggetto tutte le partecipazioni della Divisione Ambiente Allargata detenute da Unieco, direttamente o attraverso la holding Unieco Holding Ambiente (Uha), in società attive nei settori delle filiere dei rifiuti e dei rifiuti urbani. 
Nello specifico l’acquisizione riguarda l’intero capitale sociale di Uha, tramite la quale Unieco detiene la quasi totalità delle partecipazioni nelle società della Divisione Ambiente; l’intero capitale sociale di Uniproject, società che gestisce un impianto per il trattamento dei reflui industriali, il 19,2% di Unirecuperi, attiva nel settore dei rifiuti speciali e che si occupa anche di bonifiche ambientali e costruzioni speciali e, infine, il 99,99% di Picena Depur, che opera nel campo della depurazione delle acque reflue di origine industriale e civile.
Nell’operazione è altresì ricompresa la cessione ad Iren da parte di Infrastrutture Leggere del 27,87% in Uch Holding, società controllata da Uha con il 64,71%, che detiene tutte le partecipazioni del gruppo Unieco dell’area toscana attraverso la controllata Sta ed operanti prevalentemente nella raccolta e trattamento dei rifiuti urbani. Infine, è stato definito un piano di completa integrazione societaria all’interno della struttura organizzativa di Iren Ambiente che sarà operativo già dalle prossime settimane al fine di rendere efficaci le sinergie operative già dal 2021.
 Il corrispettivo pagato da Iren Ambiente per l’acquisizione di tutte le partecipazioni societarie facenti parte della Divisione Ambiente Allargata è risultato pari a 121,1 milioni, di cui 90 milioni riferiti al prezzo offerto in sede di gara e 31,1 milioni a titolo di aggiustamento prezzo provvisorio. Uha nel 2019 ha avuto un ebitda pari a 26,4 milioni di euro e una posizione finanziaria netta di 4,1 milioni. Aggregando ai risultati consolidati di Uha quelli di Picena Depur e Uniproject, si perviene a un consolidato pro forma che riporta un ebitda pari a 27 milioni ed un indebitamento finanziario netto di 3,5 milioni. L’enterprise value dell’operazione include anche la valutazione di società partecipate non consolidate per un valore di circa 35 milioni di euro.