Nel Nord Ovest il 12% degli enti non profit

Tra le attività che, da anni, nonostante tutto, continuano a crescere, nel Nord Ovest, come nel resto d'Italia, spicca quella delle istituzioni non profit, cioè di quei soggetti privati, dotati o meno di personalità giuridica – associazioni, fondazioni, cooperative sociali e gli altri enti del Terzo settore - che producono beni e servizi senza scopo di lucro e, fra l'altro, non possono distribuire gli eventuali avanzi di gestione (utili). Una conferma del fenomeno l'ha appena fornita l'Istat, l'istituto nazionale di statistica, con il suo ultimo osservatorio specifico.
Il numero delle istituzioni non profit nel nostro Paese, prima della Pandemia, è aumentato mediamente del 2% all'anno. Tanto che al 31 dicembre 2018 ne sono state censite 853.476 (ancora il 2,6% in più rispetto alla stessa data del 2017). Di queste quasi il 12%, cioè 42.165, si trovano nel Nord Ovest e, in particolare, poco più di 30.000 (per la precisione 30.090) in Piemonte, la quarta regione a vantarne di più, essendo preceduta soltanto dalla Lombardia (57.710), il Lazio (33.325) e il Veneto (31.034). La quota piemontese è pari all'8,36% del totale nazionale. La Liguria ne contaca allora 11.165 e la Valle d'Aosta 1.410.
Rispetto al complesso delle imprese dell’industria e dei servizi, le istituzioni non profit hanno continuato a crescere non soltanto di numero ma anche come incidenza, passata infatti dal 5,8% del 2001 all’8,2% del 2018, diversamente dal peso dei dipendenti, rimasto pressoché stabile (6,9%). A fine 2018, infatti, i dipendenti delle istituzioni non profit sono risultati in Italia 853.476, dei quali 74.114 in Piemonte (qui sono aumentati dell'1,8% rispetto all'anno prima, a fronte dell'1% medio nazionale); 22.477 in Liguria (+0,1%) e 1.775 in Valle d'Aosta (-1,4%).
Però, nel complesso, l’85,5% delle istituzioni non profit opera senza dipendenti, anche se nei settori dello sviluppo economico e coesione sociale e dell’istruzione e ricerca la quota è molto inferiore, rispettivamente 29,8% e 42,1%. In questi due settori più di una istituzione su cinque impiega almeno dieci lavoratori, percentuale che permane sopra il 10% anche nei settori della sanità (13,3%) e dell’assistenza sociale e protezione civile (12,7%). Diversamente, nei settori della cultura, sport e ricreazione, della filantropia e promozione del volontariato e dell’ambiente. oltre il 90% delle istituzioni opera senza impiegare personale dipendente per lo svolgimento delle proprie attività.
Con l'eccezione delle cooperative sociali, rimaste sostanzialmente stabili, nell'ultimo anno censito, le istituzioni non profit sono aumentate in tutte le forme giuridiche, ma, in particolare, come fondazioni (+6,3%). Comunque, l’associazione è la forma giuridica che raccoglie la quota maggiore di istituzioni (85%), seguono quelle con altra forma giuridica (8,4%), le cooperative sociali (4,4%) e le fondazioni (2,2%). La distribuzione dei dipendenti per forma giuridica resta piuttosto eterogenea, con il 53% impiegato dalle cooperative sociali, il 19,2% dalle associazioni e il 12,2% dalle fondazioni.
La distribuzione delle istituzioni non profit per attività economica vede prevalere il settore cultura, sport e ricreazione con quasi due terzi delle unità (64,4%), seguito da quelli dell’assistenza sociale e protezione civile (9,3%), delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi (6,5%), della religione (4,7%), dell’istruzione e ricerca (3,9%) e della sanità (3,5%). Nei settori dello sviluppo economico e coesione sociale e della cultura, sport e ricreazione più di una istituzione su quattro è stata costituita nel quinquennio 2014-2018, contrariamente ai settori della religione, della filantropia e promozione del volontariato, dell’istruzione e ricerca e della sanità dove tale quota è inferiore al 15%.
Fra l'altro, l'Istat ha rilevato che, nel 2018, le istituzione non profit iscritte nell’elenco degli enti destinatari del cinque per mille sono 60.425, pari al 16,8% del totale. E la scelta operata dai contribuenti al momento della dichiarazione dei redditi per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef ha premiato maggiormente le istituzioni non profit operanti nei settori dell’assistenza sociale e protezione civile (25%), dell’istruzione e ricerca (23,2%), della sanità (15,6%) e della cooperazione e solidarietà internazionale (12,3%). Diversamente, il settore della cultura, sport e ricreazione (12,%) sebbene raccolga oltre il 40% delle istituzioni non profit destinatarie del cinque per mille, ha ricevuto il 12,% delle preferenze dei contribuenti.