Mercato auto, Liguria in controtendenza in ottobre 3.333 immatricolazioni (+8,6%)

La Liguria è stata l'unica regione dell'Italia settentrionale e centrale ad avere registrato, in ottobre, un aumento delle vendite di auto rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. L'ha rilevato l'Anfia, l'associazione della filiera autoveicolistica nazionale, che ha attributo alla Liguria 3.333 nuove immatricolazioni nel mese scorso, l'8,6% più che nell'ottobre 2019. L'incremento assume un valore ancora maggiore se si considera che il mercato italiano si è contratto dello 0,1%, il Piemonte ha perso il 5,8% (12.774 gli acquisti in ottobre) e la Valle d'Aosta l'8,3% (4.545). Complessivamente, le tre regioni del Nord Ovest hanno contato 20.652 nuove immatricolazioni nel mese appena passato e poco più di 150.000 dall'inizio dell'anno.
In particolare, il mese scorso, nella provincia di Genova sono sate vendute 1.700 vetture nuove, nel Savonese 823, nello Spezzino 594 e nell'Imperiese 389. Ed ecco i dati per le altre province del Nord Ovest: Alessandria 1.046, Asti 466, Biella 480, Cuneo 1.746, Novara 1.002, Torino 7.218, Verbania 363 e Vercelli 442.
Nella provincia di Genova, in ottobre, ad avere più acquirenti è stata la marca Fiat (297), seguita da Volkswagen (198), Ford (190), Suzuki (124) e Toyota-Lexus (105). Anche nella provincia diTorino, logicamente, è stata Fiat a far registrare più immatricolazioni (1.728), precedendo Jeep (962), Volkswagen (429), Lancia (403) e Toyota-Lexus (347). Ad Aosta, il Pra ha registrato 2.032 Fiat, 829 Jeep, 487 Alfa Romeo, 261 Lancia e 135 Toyota-Lexus.