A Fos il 100% di Inrebus Technologies

 Fos, pmi genovese di consulenza e ricerca tecnologica, quotata al segmento Aim di Borsa Italiana, attiva nella progettazione e nello sviluppo di servizi e prodotti digitali per grandi gruppi industriali e per la pubblica amministrazione, ha sottoscritto un contratto relativo all’acquisizione del 100% del capitale sociale di InRebus Technologies. Sede a Torino, InRebus Technologies è una pmi innovativa, attiva da più di vent'anni nel settore delle applicazioni delle tecnologie Ict e in quello dei progetti di digital learning, in particolare nel settore automotive e finance. Ha 30 collaboratori, un fatturato di 2 milioni, un ebitda adjusted di circa il 12% del fatturato e una posizione finanziaria netta positiva per 42mila euro positiva al 31 dicembre 2019.
Fos, della quale è amministratore delegatp Enrico Botte, si pone l'obiettivo di potenziare la crescita di InRebus Technologies integrando le attività di servizi informatici sul territorio piemontese nella linea di business information technology favorendo l'evoluzione dei servizi in ricorrenti e outsourcing, in linea con il modello di business; ampliando l'offerta digitale di Fos con una nuova linea dedicata al Digital Learning; attivando una nuova presenza territoriale come presidio per le altre linee di business aziendali.
I soci venditori, nonché amministratori delegati di InRebus Technologies, Stefania Grossi e Andrea Romano, hanno commentato: “Siamo contenti di unirci all’organizzazione di Fos, collaborando allo sviluppo di un progetto industriale di lungo termine e valorizzando la nostra esperienza nel segmento del digital learning. Questa operazione ci consentirà di far crescere ulteriormente il nostro capitale umano e le nostre competenze tecniche a servizio del mercato”. Le parti prevedono di pervenire al closing dell’operazione non prima del 15 dicembre, ma entro il 15 gennaio 2021. 
L’accordo quadro prevede che il prezzo sia corrisposto in parte in danaro e in parte in natura. L'importo corrispondente al 10% del corrispettivo pattuito, ossia100.000 euro, verrà corrisposto mediante trasferimento delle azioni proprie di Fos da essa acquistate con i primi 100.000 investiti nell’acquisto di azioni proprie, sulla base del piano di buy-back deliberato nell'aprile scorso e appena avviato. L’accordo auadro prevede, infine, che i soci venditori, nonché attuali amministratori delegati di InRebus Technologies, continuino a svolgere, all’interno della stessa, una funzione strategica anche successivamente al closing dell'operazione.