Tre le startup del Nord Ovest selezionate per la nuova Lounge Elite Intesa Sanpaolo

Ha preso il via l’edizione 2020 della Lounge Elite di Intesa Sanpaolo; completamente digitale, la nuova Lounge accoglie 19 startup selezionate in gran parte dal programma B Heroes, la docu-serie in onda su Sky giunta quest’anno alla terza stagione e realizzata grazie alla collaborazione con Intesa Sanpaolo. Delle 19 startup selezionate tre sono del Nord Ovest: la D-Heart di Genova (salute e benessere), Enerbrain di Torino (sviluppo sostenibile) e RiceHouse di Biella (green-tech). L'iniziativa rientra nella più ampia partnership fra il primo Gruppo bancario italiano, Elite e Confindustria per accompagnare le Pmi in percorsi di formazione, crescita dimensionale e apertura al mercato dei capitali. In due anni Intesa Sanpaolo ha affiancato in questo percorso oltre 160 imprese provenienti da tutta Italia.
Resilienza e innovazione saranno i principali focus del percorso di formazione della durata di due anni rivolto alle startup da 10 regioni d’Italia e appartenenti a diversi settori industriali di eccellenza dell’economia italiana. Dalla salute all’intelligenza artificiale, sono molte le storie d’impresa, fra queste appunto la genovese D-Heart, che consente di eseguire un elettrocardiogramma e ricevere un referto cardiologico in 15 minuti, fino ai settori della tecnologia green e sostenibilità con la biellese RiceHouse, leader nella produzione di materiali biocompositi per l’edilizia derivanti dagli scarti della risicoltura.
I 19 protagonisti del percorso avranno anche la possibilità di accedere a servizi integrati e a una rete di professionisti e investitori internazionali per agevolare il loro eventuale accesso al mercato dei capitali. Le imprese saranno anche dotate di strumenti utili a riorganizzare in un’ottica di resilienza le proprie strategie e fabbisogni finanziari nell’affrontare il nuovo contesto economico colpito dalla pandemia.
Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, commenta: “Le startup di B Heroes sono l’esempio dell’Italia che prova a ripartire con nuove idee e con una iniziativa imprenditoriale che per sua natura è resiliente anche nelle situazioni di crisi. In totale sono oltre 2.700 le start up innovative (pari al 25% del totale delle start up italiane) che abbiamo sostenuto e che sono riuscite a trasformare progetti e modelli di business in risultati concreti anche grazie all’affiancamento consulenziale della banca, oltre l’erogazione di credito”. E il piemonte Carlo Robiglio, presidente Piccola Industria Confindustria, aggiunge: “Il percorso di crescita delle pmi che stiamo portando avanti ormai da anni insieme a Intesa Sanpaolo ed Elite compie oggi un nuovo passo avanti con una classe interamente dedicata alle start up. Resilienza e innovazione sono le leve su cui puntare per superare la crisi generata dalla pandemia e agganciare una ripresa duratura. La resilienza e lo sviluppo sostenibile fanno parte da sempre del Dna delle nostre aziende, campioni di forza e di tenacia. L’innovazione deve diventare il mantra con cui declinare una crescita a tuttotondo, non solo del Pil ma anche del benessere della comunità in cui le imprese operano e di cui sono cuore pulsante”.