Il nuovo quotidiano di Carlo De Benedetti sarà stampato dalla Rcs di Urbano Cairo

Sarà Rcs, il gruppo del Corriere della Sera che fa capo a Urbano Cairo, a stampare e distribuire Domani, il nuovo quotidiano di Carlo De Benedetti, in edicola dal 15 settembre. L'annuncio è stato dato alla nona edizione del Festival della Tv e dei nuovi media, in corso a Dogliani. “Non è che mi alleo con De Benedetti. Io sono un fornitore. De Benedetti è un amico, ha avuto un'idea molto coraggiosa di fare un quotidiano in un periodo come questo. È un'idea buona e io, avendo una società di distribuzione gli do una mano”, ha detto Cairo. Che ha aggiunto: “Nessuna mossa contro Repubblica. Stamperemo il suo giornale e lui farà investimenti su La7. Sono contento di offrire queste cose, chiaramente a pagamento”.
A sua volta, Carlo De Benedetti, che si era candidato a rilevare la Gedi (La Repubblica, La Stampa, il Secolo XIX, L'Espresso e numerose testate locali) dalla Fratelli De Benedetti, i figli, che invece hanno venduto all'Exor di John Elkann, ha detto: “È ridicolo pensare che l'accordo con Cairo abbia l'obiettivo di mettere in difficoltà Repubblica. Non è un nostro problema. Ci hanno pensato loro da soli a perdere copie. E non è un problema di Cairo, perché il Corriere ha distanziato Repubblica in modo clamoroso. Noi non compriamo macchine per stampare. Chi è il migliore fornitore e distributore della stampa? Ovviamente Rcs. Quindi è stata una scelta naturale. Per questo ho chiesto a Cairo di aiutarci. Nulla ovviamente è gratis. Non ci interessa cosa succede a Repubblica. È una fantasia maligna priva di fondamento. A Repubblica ci sono giornalisti straordinari", ha concluso Carlo De Benedetti.