Conafi, nel semestre perdita di 1,2 milioni

 Conafi, holding torinese quotata in Borsa, ha chiuso il primo semestre con la perdita netta consolidata di 1,2 milioni, di poco inferiore a quella dello stesso periodo 2019, quando era stata di 1,3 milioni. I ricavi sono stati pari a 0,6 milioni, come nel primo semestre dell'anno scorso; mentre i costi operativi sono ammontati a 1,6 milioni, a fronte dei 2,2 precedenti. La posizione finanziaria netta al 30 giugno è positiva per 12,3 milioni mentre lo era per 13,8 al 31 dicembre scorso.
Tra gli avvenimenti del periodo, Conafi ha ricordato che la Iscc ha ottenuto la licenza per per l’esercizio dell’attività di agenzia d’affari per il recupero di crediti stragiudiziale conto terzi e ha iniziato a svolgere l’attività sul portafoglio di crediti deteriorati della capogruppo oltre che su un primo portafoglio di crediti deteriorati acquistato in data 26 giugno 2020 per 300 mila euro. Inoltre, la stessa Iscc, il 29 maggio ha costituto la Iscc Lawyers Sta, successivamente denominata Lawyers Sta, con capitale sociale di 10.000 euro, detenuto per il 33% da Iscc, per il 22% da Gaetano Caputi, per il 23% da Simona Chiolo e per il 22% da Gianluca De Carlo. con l’intento di consentire al gruppo Conafi di completare l’attività di recupero crediti (con particolare ma non esclusivo riguardo al settore Npl), affiancando la gestione giudiziale delle posizioni all’ambito stragiudiziale, già in capo alla struttura operativa di Iscc. Gaetano Caputi è presidente della Conafi e Simona Chiolo ne è consigliere d'amministrazione.
Conafi ha chiuso il bilancio al 31 dicembre 2019 con una perdita di 2,705 milioni ma ha distribuito un dividendo straordinario per complessivi 701.894 euro, a valere sulla riserva sovrapprezzo azioni.