Borsa: soltanto 12 quotate del Nord Ovest hanno chiuso luglio in rialzo su giugno Visibilia, Bim e Ki Group ai minimi storici

Mese freddo, luglio, per il listino borsistico del Nord Ovest. Delle 44 quotate che fanno riferimento al Piemonte o alla Liguria, soltanto dodici hanno presentato, al termine dell'ultima seduta di Piazza Affari, un prezzo superiore a quello del 30 giugno. Si tratta di Buzzi Unicem, che ha chiuso a 19,215 euro (19,17 alla fine di giugno), Erg (20,58 euro dai 19,99 del mese prima),Guala Closures (6,41 euro, a fronte dei 6,18 euro del 30 giugno), Intesa Sanpaolo (1,7072 euro, a fronte di 1,7036), Italia Independent (2,22 euro, rispetto a 1,95 del 30 giugno), Italgas (5,44 euro dai 5,17), Matica Fintec (1,4620 euro dai 1,446), Renergetica (4,38 euro da 4,23), Reply (77,50 euro da 71,85), Sogefi (0,879 euro da 0,875), Tinexta (14,46 euro da 11,94), Ubi Banca (3,574 euro da 2,91). Gedi, alla sua ultima settimana in Borsa, ha chiuso alla pari; mentre Cdr Advance non ha fatti prezzo, essendo sospesa dalle negoziazioni, da tempo. Tutte le altre quotate del Nord Ovest hanno finito luglio peggio di come lo avevano incominciato, chi più chi meno. Astm è scesa da 20,34 a 17,98 euro, Autogrill da 4,678 a 4,03, Bim da 0,10 a 0,0486, Basicnet da 4,01 a 4,50, Borgosesia da 0,46 a 0,446, Biancamano da 0,227 a 0,199,Cairo Commiunication da 1,466 a 1,366, Centrale del Latte d'Italia da 2,59 a 2,46, Cnh Industrial da 6,228 a 5,784, Cir da 0,416 a 0,384, Conafi da 0,276 a 0,275, Cover 50 da 6,60 a 6,50, Dea Capital da 1,272 a 1,142, Diasorin da 170,40 a 166, Edilizia Acrobatica da 5,98 a 5,88, Exor da 50,84 a 47,65, Ferrari da 151,85 a 151,35, Fca da 8,944 a 8,62, Fidia da 2,86 a 2,71, Fos da 2,84 a 2,60, Iren da 2,206 a 2,134, Juventus da 0,9242 a 0,8974, Ki Group da 0,30 a 0,204, Orsero da 6,66 a 5,80, Pattern da 3,79 a 3,54, Pininfarina da 1,20 a 1,16, Prima Industrie da 12,98 a 12,90, Rcs MediaGroup da 0,617 a 0,587, Sanlorenzo da 15,036 a 14,46, Visibilia Editore da 0,193 a 0,15. Proprio Visibilia Editore, fondata, controllata e presieduta da Daniela Garnero Santanchè il 31 luglio ha fatto segnare il suo nuovo minimo storico, così come la Bim, mentre il giorno prima ha toccato il suo punto più basso (0,20 euro) la torinese Ki Group.