Newlat al 67,59% della Centrale del Latte Al 32,6% la quota apportata all'Ops di Isp

L'emiliana Newlat Food ha ora il 67,59% del capitale della Centrale del Latte d'Italia (Cli), società torinese quotata in Borsa, come la sua nuova controllante. Si è concluso, infatti, il periodo di adesione dell’offerta pubblica di acquisto e scambio obbligatoria totalitaria, promossa da Newlat e avente a oggetto le azioni ordinarie di Centrale del Latte d’Italia. Sulla base dei risultati provvisori, risultano portate in adesione all’offerta 2.803.210 azioni ordinarie di Cli, rappresentative del 20,02% del capitale e pari al 38,19% delle azioni ordinarie oggetto dell’Offerta.

Per quanto riguarda, invece, l'Ops promossa da Intesa Sanpaolo nei confronti di Ubi Banca, la Consob ha comunicato che, oggi, 24 luglio, è salita al 32,662% la quota di azioni Ubi apportata all'offerente. A proposito, Intesa Sanpaolo ha chiuso la seduta borsistica odierna a 1,8154 euro (-1,83% rispetto a ieri), mentre l'ultimo prezzo dell'azione Ubi Banca è stato di 3,628 euro (-1,20%).