Italgas, utile di 153,4 milioni nel semestre

“Le performance del primo semestre 2020 dimostrano la capacità di Italgas di reagire di fronte a situazioni eccezionali – come quelle che stiamo vivendo a causa del Covid-19 – continuando a produrre solidi risultati”: lo ha detto l'amministratore delegato della storica società torinese, Paolo Gallo, sottolineando che “nonostante la nuova regolazione tariffaria in vigore dal 1° gennaio, abbiamo conseguito un ebitda di 462,7 milioni, in crescita di quasi il 7% rispetto allo scorso anno e un utile netto di Gruppo di 153,4 milioni, la cui leggera flessione rispetto allo stesso periodo del 2019 è attribuibile ai pesanti effetti economici della nuova regolazione, mitigati da tutte le azioni messe in campo dalla società”.

“I nostri investimenti – ha aggiunto il torinese Paolo Gallo - si confermano in crescita attestandosi attorno ai 370 milioni di euro, la gran parte dei quali concentrati sulla trasformazione digitale e sul continuo sviluppo e rinnovamento delle reti. Grazie alla trasformazione digitale realizzata negli ultimi tre anni e al grande impegno delle nostre persone, abbiamo garantito la sicurezza e la continuità del servizio durante il lungo lockdown e siamo riusciti a far ripartire rapidamente i nostri cantieri a inizio maggio. Una ripartenza resa possibile dalle tecnologie proprietarie, sviluppate e realizzate in house nella nostra digital factory, come «WorkOnSite», l’applicazione che grazie all’intelligenza artificiale e all’operatività da remoto ha reso estremamente efficiente il processo di verifica della conformità dei cantieri e dei lavori”.

“Completato il 65% dei 1.100 chilometri di reti del piano di metanizzazione della Sardegna - ha aggiunto Paolo Gallo - ci prepariamo a mettere in esercizio alcune di esse, con immediati benefici per l'economia e la popolazione locale; benefici sostenibili nel tempo, che richiedono, però, anche una chiara regolazione dell'intera filiera del gas e l’applicazione della perequazione tariffaria analogamente a quanto avviene nel resto dell’Italia. Sul fronte delle gare Atem auspichiamo una grande accelerazione, per sbloccare, nel nostro settore, nuovi investimenti di oltre tre miliardi l'anno, vitali per la ripartenza del Paese. Nell'attesa, raccogliamo i frutti del lavoro svolto con l'assegnazione a Italgas anche dell’Atem Belluno e ci prepariamo a avviare nei prossimi mesi – su questo e su gli altri Atem che ci sono stati assegnati – tutti gli investimenti da noi pianificati”.

I fabbisogni connessi agli investimenti netti del primo semestre sono stati integralmente coperti dal positivo flusso di cassa da attività operativa, pari a 388,8 milioni di euro. La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2020 è pari a 4,626 miliardi (4,411 al 31 dicembre 2019).