Bim vara l'aumento di capitale

Il Consiglio di amministrazione della torinese Banca Intermobiliare (Bim) ha determinato le condizioni definitive dell’aumento di capitale: saranno emesse massime 943.386.381 nuove azioni ordinarie, aventi le medesime caratteristiche delle azioni già in circolazione e godimento regolare, da offrire in opzione agli azionisti della Banca aventi diritto nel rapporto di 23 nuove azioni ogni 17 possedute, al prezzo di sottoscrizione di 0,039 per ciascuna. Il controvalore dell’offerta in opzione sarà pari a massimi 36,792 milioni di euro. Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni oggetto incorpora uno sconto del 38% circa rispetto al prezzo teorico ex diritto. Con riferimento al calendario è previsto che i diritti di opzione per la sottoscrizione delle nuove azioni siano esercitabili, a pena di decadenza, dal 13 luglio al 28 luglio e i diritti di opzione siano negoziabili dal 13 luglio al 22 luglio.

Il socio di maggioranza, Trinity Investments Designated Activity Company, titolare di 607.555.743 azioni, rappresentative dell’86,32% del capitale della Bim ha effettuato, il 31 dicembre 2019, a sostegno della Banca versamenti in conto futuro aumento di capitale di importo pari all’aumento di capitale, da utilizzarsi per la sottoscrizione dei diritti di opzione spettanti e di tutto l’eventuale inoptato che dovesse risultare non sottoscritto dal mercato.