Tatiana Rizzante la più remunerata nel '19 tra le amministratrici del Nord Ovest

La classifica è provvisoria; ma appare scontato che anche la graduatoria definitiva delle amministratrici del Nord Ovest più remunerate, l'anno scorso, dalle società quotate in Borsa vedrà saldamente in testa la torinese Tatiana Rizzante, cofondatrice e amministratore delegato di Reply, una delle stelle di Piazza Affari. A Tatiana Rizzante, che è stata da poco cooptata nel consiglio di amministrazione della Gedi Gruppo Editoriale targata Exor, la società della sua famiglia ha riconosciuto, nel 2019, il compenso di 1,371 milioni.

Sul podio delle amministratrici più pagate nel passato esercizio, sotto Tatiana Rizzante si trovano Daniela Gavio, che ha ricevuto 819.153 euro dalla Astm, società controllata dall'omonima famiglia e della quale era vice presidente ed Elena Previtera, top manager torinese di Reply, dalla quale ha avuto 786.000 euro, in qualità di amministratore esecutivo. Prima ligure, Raffaella Orsero, vice presidente e amministratore delegato dell'omonima azienda di Albenga.

Ecco, comunque, la graduatoria provvisoria e non completa tenendo presente che non tutte le quotate hanno ancora pubblicato le rispettive relazioni sulle remunerazioni 2019 degli amministratori e che diverse consigliere di amministrazione lo sono anche di società non quotate e che, perciò, non hanno l'obbligo di indicare i singoli compensi. Un esempio: la sanremese Cristina Scocchia, oltre che consigliere di amministrazione della Pirelli e di Essilor Luxottica, lo è anche di Illycaffè ed è amministratore delegato di Kiko, impresa di cosmetici. Un altro esempio è quello della torinese Elisabetta Ripa, amministratore delegato di Open Fiber. Infine, va considerato che alcuni importi minimi sono conseguenti alla brevissima durata dell'incarico, come è il caso di Silvia Merlo e di Licia Mattioli, diventate consigliere di amministrazione della Sanlorenzo di Massimo Perotti alla fine del dicembre scorso.

Tatiana Rizzante 1.371.000 (Reply); Daniela Gavio 819.153 (Astm); Elena Previtera 786.000 (Reply); Raffaella Orsero 335.000 (Orsero); Paola Giannotti De Ponti 331.248 (Terna 120.138, Ubi Banca 46.110, Tim 165.000); Elisabetta Oliveri 288.397 (Fincantieri 79.397, Gedi Gruppo Editoriale 34.000, Erg 175.000); Stefania Petruccioli 272.320 (Rcs MediaGroup 58.000, Interpump 65.000, Mps 94.320, De Longhi 55.000); Katia Bastioli 239.737 (Terna); Silvia Merlo 252.925 (Leonardo 111.000, Erg 105.000, Gedi Gruppo Editoriale 35.000, Sanlorenzo 1.925); Maria Cristina Zoppo 240.000 (Intesa Sanpaolo); Elisabetta Rolando 220.000 (Basicnet); Secondina Ravera 209.954 (Reply 30.000, Inwit 80.000, A2A 99.954); Ornella Barra 192.000 (Generali); Paola Bruschi 189.078 (Basicnet); Elena Carletti 178.181 (Unicredit); Marella Moretti 170.000 (Tim); Francesca Culasso 151.651 (Ubi Banca); Paola Girdinio 140.000 (Enel); Maria Paola Clara 139.698 (Bim-Banca Intermobiliare); Cristina Scocchia 125.00 (Pirelli); Elisabetta Ripa 115.000 (Autogrill); Elsa Fornero 95.000 (Buzzi Unicem 47.500, Intermobiliare 39.000, Centrale Latte d'Italia 8.500); Antonella Guglielmetti 92.500 (Poste Italiane); Donatella Busso 85.953 (Dea Capital 55.953, Prima Industrie 30.000); Veronica Buzzi 85.000 (Buzzi Unicem); Annamaria Trovò 83.671 (Unipol Gruppo); Simona Chiolo 75.000 (Conafi); Francesca Balzani 72.492 (Inwit 65.000) (Webuilt 7.492); Caterina Bima 72.421 (Astm); Monica De Virgiliis 70.000 (Prysmian); Alessandra Del Boca 63.250 (Ubi Banca); Alessandra Perrazzelli 48.713 (A2A); Antonella Musy 45.000 (Buzzi Unicem); Fiorella Altruda 35.000 (Diasorin); Monica Tardivo (Diasorin 35.000); Tullia Todros 35.000 (Diasorin); Roberta Somati 34.438 (Diasorin); Carla Ferrari 30.000 (Prima Industrie); Licia Mattioli 28.528 (Pininfarina 27.000, Sanlorenzo 1.528); Paola Dubini 27.000 (Cofide); Paola Gatto 25.000 euro (Prima Industrie) come Daniela Ovazza, vice presidente di Basicnet; Maria Laura Cairo 20.000 (Cairo Communication); Maria Teresa Porcari 20.000 (Cofide); Lorenza Ticli 17.000 (Conafi); Tiziana Merlino 14.000 (Iren); Antonella Forchino 13.500 (Centrale Latte d'Italia); Anna Ferrero 12.000 (Fidia), come Paola Savarino 12.000 (Fidia) e Laura Morgagni 12.000 (Fidia).