Intesa Sanpaolo cede il credito su pegno coinvolte le Fondazioni Crc e Alessandria

Banca d’Italia ha autorizzato Banca Sistema all’acquisizione del ramo d’azienda credito su pegno del gruppo Intesa Sanpaolo. Il perfezionamento dell’operazione è previsto entro la prima metà di luglio 2020. L’operazione, il cui corrispettivo risulta pari a 34 milioni di euro, incluso l'avviamento, verrà effettuata dalla controllata ProntoPegno, che sarà adeguatamente patrimonializzata. Ad affiancare Banca Sistema nell'iniziativa, infatti, saranno la Fondazione Crc di Cuneo, la Fondazione Pisa e la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che entreranno a far parte del capitale di ProntoPegno, senza che questo pregiudichi il controllo della società da parte di Banca Sistema. E' previsto che le tre Fondazioni rilevino, in misure diverse tra loro, il 25% del capitale sociale di ProntoPegno, la conseguente sottoscrizione pro-quota da parte di tutti i soci di un aumento di capitale della ProntoPegno e l’acquisto del ramo d’azienda credito su pegno di Intesa Sanpaolo.

Il Gruppo Banca Sistema opera nel mercato del credito su pegno, tramite la controllata ProntoPegno, la cui rete è costituita da sei filiali, attive a Roma, Milano, Napoli, Rimini, Palermo e Pisa, a cui si aggiungeranno, una volta conclusa l’acquisizione, le sei filiali del ramo a Torino, Napoli, Firenze, Mestre, Parma e Civitavecchia. II credito su pegno è un business altamente profittevole, con un basso assorbimento di capitale grazie alla garanzia costituita da beni prevalentemente in oro.