Alle imprese del Nord Ovest la burocrazia costa oltre 6 miliardi di euro all'anno

Per le imprese dell'insieme delle tre regioni del Nord Ovest, il costo annuo della burocrazia ammonta a 6,2 miliardi ed è pari al 10,85% del totale nazionale. In particolare, alle imprese piemontesi la burocrazia costa oltre 4,4 miliardi di euro all'anno, 2,4 dei quali a quelle della provincia di Torino, la terza più tartassata d'Italia (è preceduta solo da Milano e Roma). Il calcolo è stato fatto dalla Cgia di Mestre, tenendo conto del valore aggiunto delle singole province e della rispettiva incidenza sui 57,2 miliardi di euro che costituiscono l'onere che grava, annualmente, sulle imprese italiane a causa del cattivo funzionamento dei rapporti, sempre più difficili, con la Pubblica amministrazione, avvolta da un coacervo di leggi, decreti, ordinanze, circolari e disposizioni varie.

L'Italia conta 160.000 norme, di cui 71.000 promulgate a livello centrale e le rimanenti a livello regionale e locale. In Francia, invece, sono 7.000, in Germania 5.500 e nel Regno Unito 3.000. La responsabilità dell'iper legiferazione nel nostro Paese è ascrivibile alla mancata abrogazione delle leggi concorrenti e al fatto che, negli ultimi decenni, è aumentato esponenzialmente il ricorso ai decreti legislativi, i quali, per essere operativi, richiedono l’approvazione di numerosi decreti attuativi.

Un onere annuo superiore a quello dell'insieme delle imprese piemontesi per la burocrazia è pagato da altre quattro regioni: naturalmente, la Lombardia (12,625 miliardi), il Lazio (6,463 miliardi), il Veneto (5,259 miliardi) e l'Emilia-Romagna (5,191 miliardi). Quanto al costo pagato per la burocrazia dalle imprese delle diverse province piemontesi, è stato calcolato in 624 milioni all'anno per il Cuneese, 400 per l'Alessandrino, 359 per il Novarese, 180 per l'Astigiano, 157 per il Biellese, 154 per il Vercellese e 128 per il Verbano-Cusio-Ossola.

Sempre secondo i calcoli della Cgia, il costo annuo sostenuto dalle imprese per la gestione dei rapporti con la Pubblica amministrazione ammonta a 1,617 miliardi in Liguria e a 157 milioni in Valle d'Aosta. In particolare, per quanto riguarda le singole province liguri risulta di 978 milioni per Genova, 256 per Savona, 217 per La Spezia e 166 per Imperia.