Sagat, calo di passeggeri ma più profitti

Sagat, la società che gestisce l'aeroporto di Torino Caselle, ha chiuso bilancio 2019 con l'utile netto di gruppo pari a 9,350 milioni di euro, 1,660 milioni più dell'esercizio precedente; ma, in considerazione degli effetti della pandemia Coronavirus, l'assemblea degli azionisti ha deciso di mandarlo interamente a nuovo e, perciò, di non distribuire alcun dividendo. I ricavi totali del gruppo sono ammontati a 73,244 milioni (+10,5% rispetto al 2018), e l'ebitda si è attestato a 18,567 milioni (25,3% dei ricavi totali) a fronte dei 15,509 milioni dell’esercizio precedente. Gli investimen sono stati pari a 10,900 milioni, principalmente in opere infrastrutturali e impiantistiche. Le disponibilità liquide al 31 dicembre 2019 sono risultate di 9,489 milioni.

L’eeroporto di Torino nel 2019 ha servito 3.952.158 passeggeri, registrando una contrazione del traffico del 3,3%, pari ad un calo di 132.765 passeggeri rispetto al dato consuntivato nel 2018. Il calo riportato è da attribuirsi alla forte riduzione del network attuata dal vettore Blue Air e alle performance negative di Alitalia, Blue Express e Air Italy, che, nel complesso, hanno generato una contrazione del traffico pari a 426.000 passeggeri rispetto ai dati 2018.