Rina preparerà gli ispettori con i droni

L’uso dei droni per effettuare controlli e ispezioni da remoto si sta ritagliando uno spazio sempre più grande in moltissimi settori, compreso quello delle costruzioni e dei trasporti. Per fornire a questa industria i professionisti altamente qualificati di cui avrà sempre più bisogno, la genovese Rina, multinazionale di ispezioni, testing e certificazioni, ha stretto un accordo con Italdron group (società ad alto potenziale tecnologico specializzata nello sviluppo di droni e formazione) per preparare un corso di studi innovativo, in grado di unire le abilità di volo con le competenze tipiche di un ispettore.

Questa collaborazione ha portato all’elaborazione di programma tecnico formativo per il training di due nuove figure professionali: pilota specializzato in sorvolo di aree industriali e pilota - ispettore sui controlli non distruttivi e per ispettori ponti, viadotti e passerelle. Si tratta di due percorsi tecnico-formativi, i cui piloti sono riconosciuti dall’Enac (Ente nazionale per l’Aviazione Civile), l’unica autorità competente nel rilascio di attestati pilota e autorizzazioni al volo sul territorio italiano. Il corso specialistico per pilota-ispettore è accessibile a chiunque abbia già conseguito un brevetto di volo con droni, a chi abbia già una formazione tecnica specifica oppure a chi decida di intraprendere l’intero percorso formativo partendo da zero.

I corsi si terranno nelle sei nuove basi di formazione e di volo Rina, gestite congiuntamente con Italdron Academy, a Sarzana (SP), Pignola (PZ), Gioia Tauro (RC), Rozzano (MI), Valledoria (SS) e Romazzino (SS). Queste si andranno a sommare alle 17 sedi regionali di Italdron Academy, tutte Centri Primari di Formazione riconosciuti direttamente dall'autorità aeronautica.