Valle d'Aosta, ai Consorzi di garanzia fidi 5,5 milioni della Regione per le pmi

La Giunta della Regione Valle d'Aosta, presieduta da Renzo Testolin, ha adottato il regolamento volto a favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese e dei liberi professionisti, mediante la costituzione di un fondo rischi. A tal fine è stata disposta l’erogazione della somma complessiva di 5.5 milioni ai Consorzi di garanzia fidi, Valfidi e Confidi Valle d’Aosta, per sostenere, in questo momento di particolare necessità, le imprese e i professionisti, favorendo l’accesso al credito mediante la concessione di garanzie fideiussorie.

I soggetti beneficiari degli aiuti, in forma di garanzia, dovranno essere imprese iscritte al Registro delle Imprese della Camera valdostana delle imprese e delle professioni, avere almeno un’unità locale operativa attiva in Valle d’Aosta, avere un codice prevalente di attività ammissibile e, infine, di essere in regola con il pagamento del diritto camerale annuo. I liberi professionisti dovranno operare stabilmente in Valle d’Aosta, con sede dichiarata ai fini fiscali nel territorio regionale. Le imprese, così come i professionisti, non dovranno avere procedure concorsuali in atto al 31 dicembre 2019.

Gli interventi finanziabili mediante prestazione di garanzia dovranno riguardare investimenti produttivi e infrastrutturali effettuati dopo l’entrata in vigore della l.r. 4/2020, fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità o riequilibrio finanziario per la rinegoziazione dei prestiti esistenti, estinzione di linee di credito a breve e medio termine e adozione di piani di rientro dell’indebitamento. Tali tipologie di intervento potranno essere finalizzate anche all’avvio di nuove iniziative imprenditoriali successive all’entrata in vigore della suddetta legge.

Le operazioni garantibili dai Confidi potranno essere finanziamenti aventi durata massima di 120 mesi o 60 mesi, a seconda della tipologia di intervento, di importo minimo pari a 10.000 euro e massimo pari a 1,5 milioni, per spese di investimento o ristrutturazione del debito, oppure fidi a breve termine, di importo minimo di 5.000 euro e massimo di 250.000 e, in ogni caso, non superiore al 25% del fatturato.

La garanzia complessiva per ciascuna operazione sarà pari al 90% dell’importo finanziato. La durata della garanzia sarà legata alla durata dell’operazione finanziaria. La misura permetterà, così come strutturata, di sviluppare un volume di credito agevolato e garantito a favore delle aziende per oltre 27 milioni di euro.

Le domande per la concessione della garanzia dovranno essere presentate dalle Pmi e dai liberi professionisti, fino al 26 marzo 2024, direttamente aValfidi e Confidi Valle d’Aosta, che si sono resi disponibili a predisporre la modulistica necessaria.