Politecnico Torino scala classifica iridata per l'impatto economico e sociale Sdgs

Ottimi risultati per il Politecnico di Torino (Polito) nel The Impact Ranking, la classifica mondiale delle università che valuta il loro impatto economico e sociale, in base ai Sustainable Development Goals dell’Onu (Sdgs nell’acronimo inglese), approvati nel 2015 dalle Nazioni Unite. L’Ateneo si posiziona nel quartile più elevato sia per il Sdg - Sustainable Developing Goal 11 - Sustainable Cities and Communities sia per il Sdg 13 – Climate Action, in cui si è presentato per la prima volta.

Nella classifica mondiale per il Sdg 11, Polito raggiunge la 17.ma posizione al mondo su 470 università partecipanti (lo scorso anno si era posizionato al 29° posto su oltre 290 università), a testimonianza del forte impegno che il Politecnico svolge sul territorio come attore fondamentale nella trasformazione urbana e nella valorizzazione del patrimonio culturale, nella creazione della cultura e nello stimolo allo sviluppo di una comunità inclusiva e attenta alle tematiche di sostenibilità.

Per quanto riguarda il Sdg 13, Polito si è posizionato all’ 88° posto al mondo su oltre 375 università partecipanti. Anche in questo caso confermando l’impegno che l’Ateneo ha intrapreso, ormai da anni, per sostenere le azioni di contrasto al cambiamento climatico, non solo con la ricerca, ma anche con le linee guida interne e le azioni concrete nei Campus, che porteranno, nei prossimi mesi, alla impostazione operativa del Piano di azione per l’energia sostenibile e il clima del Politecnico di Torino, proposto dal Green Team.

Patrizia Lombardi, prorettore di Polito, coordinatrice del Green Team di Ateneo e presidente della Rus nazionale - Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile, che ha seguito in particolare la tematica, commenta: “Questi risultati confermano l’impegno che il Politecnico di Torino ha profuso, in tutti questi anni, nel campo dello sviluppo urbano sostenibile, della valorizzazione della ricerca scientifica e della condivisione della conoscenza, sottolineandone il ruolo sociale. Il percorso che l’Ateneo ha avviato per accrescere una visione sostenibile del territorio, sia all’interno del campus sia favorendo la creazione di azioni sinergiche con gli enti locali, è stato premiato dall’ottimo posizionamento raggiunto in questo ranking, che ci aiuta a documentare e valorizzare il nostro impegno sui temi delle città sempre più inclusive, sicure, e sostenibili e sulle nostre iniziative volte a minimizzare l’impatto ambientale, con l’obiettivo di rafforzare la resilienza e la capacità di adattamento della nostra comunità nei confronti della crisi climatica.”