Fondazione Crc per dare subito liquidità anticipa ai beneficiari il 50% dei contributi

La Fondazione Crc di Cuneo, per sostenere la comunità cuneese nel momento di crisi generato dal Coronavirus, ha deciso di modificare le modalità di gestione dei contributi erogati nel corso del 2020. Per tutti i contributi che verranno deliberati su bandi o sessioni erogative entro la fine dell’anno, è previsto un versamento immediato del 50% del contributo al momento della delibera. Inoltre, per le manifestazioni rilevanti − gli eventi significativi e ricorrenti realizzati in provincia di Cuneo che la Fondazione ha individuato nel corso del 2019 e finanziato per un triennio − il cda ha deciso di anticipare il 30% dell’importo previsto per il 2020.

In parallelo a queste misure, la Fondazione cuneese ha deliberato due importanti interventi in campo educativo e sociale. Nell’ambito del bando Nuova Didattica, ha deciso di anticipare la delibera dei contributi sulla linea Benessere a scuola, che include iniziative utili in questa fase di forzato isolamento: vengono finanziati 16 progetti, che coinvolgono in tutto 41 istituti scolastici, per un totale di oltre 182 mila euro. L’obiettivo è sostenere subito le scuole nell’affrontare la situazione di emergenza educativa e relazionale venutasi a creare con la sospensione delle lezioni in classe, aiutando in particolare i bambini e i ragazzi più isolati e in difficoltà in questo momento.

Infine, è stata deliberata la quarta tranche di contributi per il Bando Emergenza per il Sociale: ulteriori 18 contributi, per 55 mila euro totali, che si aggiungono agli oltre 636 mila euro già deliberati nelle prime tre commissioni del Bando.

“Con le nuove modalità di gestione dei contributi, che saranno valide tutto il 2020, la Fondazione – ha detto il suo presidente, Giandomenico Genta - vuole garantire un’iniezione di liquidità subito disponibile, che permetta agli enti del territorio di far fronte alle spese più urgenti: una decisione che conferma la vicinanza e il sostegno a tutta la comunità provinciale in questo momento di grande difficoltà”.