Cir non distribuirà il dividendo previsto ritirata la proposta e rinviata l'assemblea

Il consiglio di amministrazione della Cir (gruppo Fratelli De Benedetti), ha deliberato di ritirare sia la proposta di distribuzione di un dividendo di 0,02 euro per azione e quindi di non distribuire, quest'anno, alcun dividendo, sia la proposta di autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Ha deciso, perciò, di rinviare la convocazione dell’assemblea ordinaria e straordinaria del 24 aprile 2020 alla data dell’8 giugno.

Gli amministratori della Cir hanno motivato la decisione dopo aver preso atto dell’evoluzione del contesto economico rispetto a quello esistente alla data dell’ultima adunanza consiliare, tenutasi il giorno 9 marzo 2020 e della emanazione del recente “Decreto Liquidità”, il cui art. 1 consente alle imprese di accedere al finanziamento bancario usufruendo di garanzie rilasciate dalla Sace a condizione tuttavia che l’impresa beneficiaria, “nonché ogni altra impresa con sede in Italia che faccia parte del medesimo gruppo cui la prima appartiene, non approvi la distribuzione di dividendi o il riacquisto di azioni proprie nel corso del 2020”.

“Dinanzi a tale mutato contesto normativo e tenuto conto della situazione complessiva di mercato con la quale dovranno confrontarsi le società operative del gruppo, al fine di non precludere alle stesse la possibilità di accedere eventualmente ai finanziamenti bancari assistiti dalla garanzia Sace” il consiglio di amministrazione ha deliberato, appunto, il ritiro delle proposte relative al dividendo e all'acquisto di azioni proprie.