Banca del Piemonte e la famiglia Venesio grande donazione alla Città della Salute per la sicurezza degli undicimila operatori

La Banca del Piemonte e la famiglia Venesio hanno deciso di effettuare, congiuntamente, una importante donazione alla Città della Salute e della Scienza di Torino (CSS). In particolare, la donazione, dell'ordine di alcune centinaia di migliaia di euro, contribuirà al monitoraggio sierologico dello sviluppo di IgG anti Sarscov2 esteso a tutti gli 11.000 operatori della CSS nell’ambito di un ampio progetto di ricerca, volto a identificare indirettamente la prevalenza di pregresse infezioni anche asintomatiche e a verificare il mantenimento della stesse in un arco temporale prolungato. Inoltre, saranno acquistate cappe per rischio biologico, fondamentali per la gestione protetta di campioni infetti e di pezzi chirurgici inviati dalle sale operatorie e di centrifughe da banco, per sierare i campioni di sangue.

Con la donazione saranno anche consentiti lavori di forte miglioramento infrastrutturale, volti a soddisfare i requisiti internazionali in termini di riscontri autoptici, per meglio approfondire e comprendere i meccanismi coinvolti nello sviluppo del danno Covid correlato; infine, sarà consentita l’integrazione di alcuni dispositivi di protezione individuale.

Camillo Venesio, amministratore delegato e direttore generale di Banca del Piemonte, ha dichiarato: “Siamo felici di dare il nostro contributo alla lotta a questa terribile pandemia. Banca del Piemonte e la mia famiglia confermano ancora una volta di essere vicini a Torino e al Piemonte, sostenendo, in questo caso, l’impegno di una delle eccellenze sanitarie della città. Ringrazio la professoressa Paola Cassoni, la professoressa Rossana Cavallo, i professori Giancarlo Di Vella e Paolo Gontero e il direttore sanitario Antonio Scarmozzino per la loro efficienza, concretezza e per il loro straordinario impegno”.

Paola Cassoni, direttore del Dipartimento di Medicina di Laboratorio della CSS di Torino ha dichiarato: “Insieme alla direzione di CSS esprimo, a nome di tutto il personale e di tutti i pazienti, la profonda riconoscenza nei confronti di Banca del Piemonte e della famiglia Venesio. Questa generosa donazione ci permette di sviluppare in modo approfondito e strutturato una serie di attività correlate all’infezione da Sars-cov2 e alle criticità connesse”.