Pattern: nel 2019 ricavi aumentati del 26%

Il consiglio di amministrazione di Pattern, società torinese fondata nel 2000 da Francesco Martorella e Fulvio Botto, tra i più importanti operatori nella progettazione, ingegneria, sviluppo, prototipazione e produzione di linee di abbigliamento per alcuni dei più prestigiosi marchi mondiali esclusivamente top di gamma, ha approvato alcuni dati preliminari dell’esercizio 2019: i ricavi totali ammontano a 55,7 milioni rispetto ai 44,4 milioni del 2018, evidenziando l'incremento del 26% e l'ebitda a 5,9 milioni (+33% rispetto ai 5,4 milioni precedenti). L’ebitda adjusted, con l’esclusione dei costi sostenuti per la quotazione, è pari a 7,2 milioni e una incidenza del 12,9% sui ricavi delle vendite.
Al 31 dicembre la posizione finanziaria netta è positiva per 12,4 milioni, a fronte dei 3,9 milioni alla stessa data del 2018, grazie all’iniezione di mezzi propri per l’ipo sul mercato Aim e alla generazione di cassa conseguente all’ottimo andamento dell’esercizio
Luca Sburlati, amministratore delegato del gruppo, Franco Martorella e Fulvio Botto, azionisti di maggioranza, commentano: “Il 2019 si chiude come un anno straordinario per Pattern, ricco di eventi e di soddisfazioni per tutti noi. Con il 2020 sia apre, purtroppo per motivi diversi, un momento altrettanto straordinario. Crediamo che la fiducia accordataci dai nostri clienti unita a un’ importante disponibilità di cassa, alla scelta di investire nelle più avanzate tecnologie di progettazione e a un 'offerta di un range di prodotto ormai completo saranno strategici per superare questo momento complesso. Continuiamo ad avere fiducia per il futuro a medio-lungo termine” Inoltre, Pattern ha comunicato che, a fronte dell’emergenza covid-19 e tenuto conto delle nuove indicazioni governative, è sospesa fino al 3 Aprile l’attività produttiva del Gruppo.

Nessun commento: