Negli ultimi dieci anni 13.000 fallimenti

Tredicimila. Tanti sono stati i fallimenti registrati, negli ultimi dieci anni, nelle tre regioni del Nord Ovest. Il dato emerge dall'analisi fatta da Cribis, società del gruppo Crif specializzata nella business information. Per la precisione, le imprese locali che hanno portato i libri in Tribunale dal primo giorno del gennaio 2010 all'ultimo del dicembre scorso sono risultate 12.972, delle quali 9.882 in Piemonte, 2.925 in Liguria e 165 in Valle d'Aosta.
In particolare, nel 2019, i fallimenti sono stati 661 in Piemonte, 212 in Liguria e 16 in Valle d'Aosta. In tutta l'Italia ne sono stati censiti 11.044, l'1,7% in meno rispetto agli 11.233 del 2018. Anche nell'ultimo anno sono calati, come nei cinque anni precedenti. Il picco, a livello nazionale, si è avuto nel 2014, quando sono state oltre 15.000 le aziende che hanno portato i libri in tribunale. Nel 2010, però, erano state meno di 11.000 (esattamente 10.888).
L'anno scorso, comunque, i cali più significativi si sono avuti nel settore dell’edilizia (-12,2%, 1.974 aziende fallite), che ha confermato così il proprio trend positivo dal 2015; invece, per la prima volta negli ultimi cinque anni, sono aumentati i fallimenti nel settore industriale, risultati 2.086 (+3,8%) e nel commercio, ammontati a 3.521 (+1,3%).
L’analisi di Cribis ha inoltre rilevato, l'anno scorso, 2.567 fallimenti nel settore dei servizi (-1,6%), a fronte dei 3.019 del 2015, anno nero per il comparto negli ultimi 10 anni, mentre il 2014 è stato l’anno con più imprese fallite nei settori del commercio (4.643), dell’edilizia (3.343) e dell’industria (3.247).

Nessun commento: