Lapucci spiega la nuova missione delle Ogr e sollecita tax credit per le fondazioni


Massimo Lapucci Segretario generale Fondazione Crt
Due anni fa abbiamo dato vita alle nuove Ogr con l’obiettivo preciso di riparare e guardare al futuro, mantenendo intatto il ruolo di officina a servizio del bene comune. Anche oggi, nel metterle a disposizione della comunità come Officine per la salute, così come in passato in altre difficili occasioni è accaduto a luoghi storici quali l’Hermitage e il Quirinale, onoriamo la nostra mission originaria, con la salda convinzione che, superate quanto prima le difficoltà attuali, si torni a riparare l’arte, la cultura e l'innovazione". 
Lo ha detto Massimo Lapucci, direttore generale di Ogr e Segretario generale di Fondazione Crt, in relazione all'allestimento alle Ogr di un'area dedicata alla degenza e alla terapia subintensiva per i pazienti di media e lieve entità.
Insieme a Giovanni Quaglia, presidente di Fondazione Crt, Massimo Lapucci ha poi ricordato che “oltre alle Ogr, Fondazione Crt ha già messo in campo un piano straordinario da tre milioni di euro per l’acquisto di nuove ambulanze, mezzi per la Protezione civile e attrezzature da destinare agli ospedali. Inoltre, Fondazione Crt sostiene il ponte aereo con Pechino ,organizzato dalla filantropia italo-cinese per il trasporto e la consegna di materiali medico-sanitari urgenti difficili da reperire non solo in Italia, ma anche sul mercato internazionale”.

In merito, Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte, ha detto che “dal commissario straordinario Arcuri ho già avuto l'assenso informale per la realizzazione dell'ospedale da 100 posti alle Ogr di Torino e nelle prossime ore aspettiamo da Roma quello formale. Le Ogr sono la soluzione migliore per la tipologia di spazio e la possibilità di allestire l’area velocemente. Insieme a Verduno, che ha iniziato la sua operatività in queste ore, le Ogr saranno un ulteriore grande supporto alla gestione dell’emergenza. Per questo ringrazio tutti i soggetti coinvolti e la società Ogr per la grande disponibilità in un momento in cui l’aiuto di tutti è fondamentale”.
Lapucci ha anche risposto all'Ansa Piemonte in merito alla decisione di Unicredit, della quale la Fondazione Crt possiede l'1,65% del capitale, di rinviare a ottobre la decisione sul dividendo, in seguito alle raccomandazioni della Bce e della Banca d'Italia a tutte le banche.
La Fondazione Crt ha una posizione finanziaria netta molto solida e positiva, che supera i 400 milioni di euro. Valuteremo se fare ricorso all'offerta di Unicredit di potere accedere a crediti a zero tasso di interesse. Non ne abbiamo immediato bisogno”.
Il Segretario generale della Fondazione Crt ha aggiunto: “I dividendi sono importanti perché rappresentano le risorse per i territori. Ci troveremo a dover gestire l'emergenza come non mai, con interventi a sostegno degli enti e per questo la liquidità è importante. Il problema del sistema Paese da risolvere è la crisi di liquidità, è questo che ci troveremo a dover gestire. Le fondazioni fungono da filtro, noi riceviamo risorse del sistema profit e le diamo al non profit. È un tema di tenuta sociale a cui dobbiamo ottemperare”.
Secondo Lapucci, potrebbe aiutare un intervento del fisco, con un meccanismo di tax credit come è stato fatto per la povertà educativa minorile. Per questo propone un patto al governo. Ha dichiarato all'Ansa: “Le fondazioni sono soggette a un forte carico fiscale, soprattutto negli ultimi anni. Si può pensare ad ammorbidirlo, per fare confluire liquidità dove serve”.