La Fondazione Cr Biella aderisce subito alla raccolta fondi per l'ospedale locale

È partita la campagna di raccolta fondi #DONOSALUTE, promossa dall'Associazione Amici dell'Ospedale di Biella, a sostegno dei reparti dell’ospedale che stanno fronteggiando l’emergenza coronavirus: Rianimazione, Semintensiva, Pronto Soccorso. La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ha già ha aderito donando 100.000 euro, che saranno destinati all’acquisto di monitor pazienti e sistemi di monitoraggio, letti di terapia intensiva, ventilatori polmonari, attrezzature e altri materiali.
La Fondazione  Cassa di risparmio di Biella  - sottolinea il presidente Franco Ferraris - da sempre è in prima linea a difesa della salute dei cittadini e, anche grazie al suo impegno, Biella dispone di uno dei degli ospedali tecnologicamente più avanzati. Oggi, di fronte all'emergenza sanitaria causata dal coronavirus, la Fondazione rinnova il suo impegno al fianco dell'associazione Amici dell'ospedale di Biella e dell'asl Biella, aprendo una campagna di raccolta fondi con una donazione straordinaria di 100 mila euro per l'acquisto di attrezzature mediche urgenti a servizio dei cittadini. Inoltre, in collaborazione con Banca Simetica, ha stanziato 100 mila euro per l'attivazione di servizi di assistenza domiciliare per soggetti fragili attraverso l'attivazione del bando rapido "comunità fragile". Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti per sconfiggere il virus e siamo certi che il grande cuore dei biellesi sarà ancora una volta al nostro fianco in questa battaglia”. 
Altre aziende ed associazioni del territorio stanno completando le procedure di donazione, quali Gruppo Banca Sella, Lanificio Fratelli Piacenza, Fondazione Zegna, Fondo Edo Tempia, Lions Club Bugella Civitas e alcuni privati cittadini.
L'ospedale sta ricevendo anche presidi sanitari di protezione individuale (mascherine). E c'è chi sta pensando anche agli operatori sanitari, come il Panificio Spigadoro di Biella, che ha preparato e inviato all'ospedale una produzione di pizze e focacce per il personale del Pronto Soccorso, della Semintensiva, della Rianimazione e del Centralino.

Nessun commento: