Fondazione De Agostini: mezzo milione per l'ospedale "Maggiore" di Novara

Roberto Drago, presidente
Fondazione De Agostini
La Fondazione De Agostini esprime la propria vicinanza agli operatori del settore sanitario, che stanno lavorando incessantemente per la salute dei cittadini, e alle associazioni del terzo settore con cui stabilmente collabora, stanziando 700.000 euro per fronteggiare l’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus nel nostro Paese.
Una donazione di 500.000 euro sarà devoluta all’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Maggiore della Carità” di Novara per la realizzazione di una nuova terapia intensiva/semi-intensiva da realizzarsi nei locali adiacenti al Pronto Soccorso. Il nuovo reparto potrà consentire all’ospedale novarese di potenziare i servizi e le cure per affrontare l’attuale situazione di emergenza, ma resterà poi come presidio permanente dell’azienda ospedaliero-universitaria per la tutela della salute dei cittadini nell’area più critica dell’ospedale.
Mario Minola, direttore generale dell’Aso “Maggiore della Carità”, ha anticipato che il nuovo reparto sarà intitolato alla Fondazione De Agostini.
La quale ha anche stanziato 200.000 euro a favore di associazioni e cooperative che offrono servizi ai bambini con disabilità e allele loro famiglie, danno lavoro a persone svantaggiate e gestiscono case di accoglienza per minori. Sono soggetti che oggi si trovano ad affrontare grandi difficoltà, a causa dell’interruzione delle attività e del venire meno di risorse economico-finanziarie fondamentali per il loro sostegno, soprattutto in questa fase in cui tutti sono impegnati nel fronteggiare i disagi sociali delle fasce più deboli della popolazione.
Roberto Drago, presidente della Fondazione De Agostini, ha dichiarato: “sempre attenta a intervenire in situazioni di bisogno, la Fondazione ha voluto supportare il sistema sanitario locale in questa fase di emergenza, per garantire l’assistenza medica necessaria alle persone contagiate, ma ha anche allargato la sua responsabilità alle tante associazioni del terzo settore che sono messe a dura prova dalle necessarie misure adottate per il contenimento dell’epidemia”.
La Fondazione De Agostini nasce nel 2007 a Novara, per volontà delle famiglie Boroli e Drago, azioniste del Gruppo De Agostini. Da allora ha sostenuto oltre 190 interventi per un importo complessivo di circa 16,500 milioni.

Nessun commento: