Basicnet: a Marco Boglione 1,585 milioni

Marco Boglione con i due figli
Quasi 1,6 milioni di euro. E' la somma dei compensi che Marco Boglione ha ricevuto, l'anno scorso, da Basicnet, la società a capo dell'omonimo gruppo torinese da lui fondato e controllato. Quale presidente ha avuto, per la precisione, 1.585.732 euro, oltre 1,3 milioni in più rispetto a Federico Trono, amministratore delegato dal 19 aprile 2019. Il compenso di Trono per la parte di esercizio da numero uno operativo è stata di 259.163 euro.
La terza cifra più alta (189.078 euro) è stata pagata a Paola Bruschi, che è non soltanto consigliere di amministrazione di Basicnet, ma anche una top manager del gruppo. Nata nel 1967 a Torino, dove si è laureata in Economia e commercio, Paola Bruschi lavora a fianco di Boglione da oltre 25 anni, con incarichi sempre più rilevanti.
Responsabilità progressivamente maggiori nel gruppo Basicnet vengono affidate anche ai due figli di Marco Boglione, diventati pure consiglieri di amministrazione dall'aprile scorso. A entrambi, Lorenzo e Alessandro, per la loro nuova posizione al vertice della società è stato riconosciuto l'emolumento di 185.000 euro.
Del nuovo consiglio di amministrazione di Basicnet fanno parte anche i torinesi Daniela Ovazza, vice presidente, Cristiano Fiorio, top manager Fca, Carlo Pavesio e il cuneese Adriano Marconetto.

Nessun commento: