Ultimi giorni della Cofide a Piazza Affari mercoledì lascia il posto alla nuova Cir

Martedì 18 sarà l'ultimo giorno di negoziazione delle azioni della “vecchia” Cir, che, perciò, sparirà da Piazza Affari. Questo in seguito, alla fusione di Cir nella controllante Confide, atto appena iscritto al Registro milanese delle imprese. Però, Cofide cambierà la propria denominazione sociale in “Cir – Compagnie Industriali Riunite”, per cui a scomparire dal listino della Borsa di Milano sarà la Cofide, mentre sarà quotata la nuova Cir, che continuerà a far capo alla Fratelli De Benedetti, i figli di Carlo.
Comunque, la fusione prevede l’applicazione del seguente rapporto di cambio: n. 2,01 azioni ordinarie di Cofide per ogni azione ordinaria di Cir. La fusione verrà attuata mediante annullamento senza concambio delle azioni ordinarie di Cir di proprietà di Cofide alla data di efficacia della fusione e delle azioni proprie detenute da Cir alla stessa data. Allora, l’incorporante procederà all’emissione di 557.997.396 azioni, sulla base del rapporto di cambio, per un ammontare complessivo di nominali 278.998.698 euro.
Pertanto, a fusione avvenuta, il capitale sociale dell’incorporante, interamente sottoscritto e versato, sarà pari a 638.603.657 euro, suddiviso 1.277.207.314 azioni del valore nominale di 0,50 euro ciascuna. Le azioni dell’incorporante assegnate in concambio avranno godimento regolare e le medesime caratteristiche delle azioni ordinarie Cofide in circolazione alla data dell’assegnazione e sarano fungibili con le stesse.

Nessun commento: