Ferrari ed Exor al nuovo massimo storico record anche per Reply a 77,80 euro

La Ferrari SF1000 presentata da John Elkann
Gran seduta per le quotate della famiglia Agnelli-Elkann-Nasi, quella di oggi, 12 febbraio: tutte le società hanno chiuso con buoni rialzi e, in particolare, due hanno fatto segnare il loro nuovo massimo storico. Una è proprio la holding, Exor, il cui ultimo prezzo è stato di 75,02 euro (+2,10 rispetto a ieri), il più alto di sempre. L'altra è la Ferrari, la cui azione è arrivata al massimo di 159,55 euro (+1,88%), nel giorno della presentazione della monoposto che correrà i Gran Premi di Formula 1 del 2020, la SF 1000, presentata dallo stesso John Elkann, presidente della Ferrari, come lo è di Fca e della stessa Exor, della quale è anche amministratore delegato.
Non solo. La Juventus ha fatto registrare la terza migliore performance tra le blue chip, con l'incremento del 4,12%, nella seduta che ha attribuito il primato dei rialzi tra le 40 principali società trattate in Piazza Affari a Ubi Banca, la cui azione ha chiuso a 3,279 euro (+5,1%). Quanto alle altre due controllate di Exor, va rilevato che Fca ha terminato le negoziazioni a 12,584 euro (+3,73%) e Cnh Industrial a 8,892 euro (+4,105%).
Un'altra piemontese che oggi ha conquistato il suo nuovo record storico è Reply, l'impresa dei Rizzante, la cui azione ha avuto come ultimo prezzo 77,80 euro, ancora superiore dell'1,63% a quello di ieri e, appunto, suo nuovo massimo.
Comunque, la seduta odierna è stata positiva per quasi tutte le subalpine. In rosso hanno finito soltanto Astm (-2,55%), Diasorin (-1,03%), Iren (-0,59%), Italgas (-0,68%), Matica Fintec (-0,96%), Tinexta (-1,30%), Visibilia Editore (-0,58%) e Ki Group (-3,97%), calata al suo nuovo minimo storico di 0,605 euro.

Nessun commento: