Accordo Cdp-Anfir (Finanziarie regionali) per prodotti finanziari destinati alle pmi

Michele Vietti, presidente Anfir
E’ stato siglato da Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) e Anfir, l’associazione nazionale che riunisce le 19 Finanziarie regionali italiane, un protocollo d’intesa finalizzato a favorire la crescita dimensionale e la competitività, anche internazionale, delle piccole e medie imprese italiane. Questa nuova partnership si ripromette di estendere a tutte le aree servite dalle diverse Finanziarie progetti e iniziative nell’ambito del credito agevolato e del sistema regionale di garanzia, oltre alla possibilità per le imprese locali di accedere a strumenti di finanza alternativa come i minibond e i “basket bond”, e alle potenziali opportunità di co-investimento nel private capital.
Attraverso la condivisione di expertise, know-how e best practice, Cdp e Anfir si impegneranno a strutturare prodotti finanziari, con uno sguardo rivolto anche ai nuovi scenari che si stanno delineando per la gestione dei Fondi Strutturali e di Investimento europei nella nuova programmazione 2021-2027.
Il ruolo di Cdp, partecipata dalle Fondazioni di origine bancaria, rappresentate al vertice anche dal piemontese Giovanni Quaglia, sarà quello di finanziatore, garante, investitore, a seconda della struttura dell’intervento e dello schema operativo individuato. La missione istituzionale di Cdp, infatti, prevede espressamente il sostegno agli investimenti in innovazione e sviluppo delle imprese e la facilitazione della loro capacità di accesso al credito – anche attraverso canali di finanziamento alternativi a quelli standard - da raggiungere mediante la cooperazione con istituzioni finanziarie e operatori presenti sul territorio.
La partnership con Anfir s’inserisce nel solco del Piano industriale di Cdp, che punta a mobilitare nel triennio 2019-2021 fino a 83 miliardi di euro di risorse a supporto delle imprese italiane, attraverso la creazione di un’offerta di Gruppo integrata e la semplificazione dei canali di accesso. L’obiettivo è di ampliare il numero di aziende sostenute, con un target di 60.000 imprese nell’arco di piano, con un focus crescente sulle pmi.
Le finanziarie regionali gestiscono attualmente sia fondi propri e sia fondi della programmazione regionale, nazionale e comunitaria per complessivi 11,2 miliardi di euro. Il patrimonio netto delle associate Anfir supera i 2,2 miliardi e gli addetti totali sono quasi 1.500.
Anche il sistema delle finanziarie interviene, da sempre ,al fianco delle imprese, con la gestione di strumenti finanziari e agevolativi regionali (come fondi rotativi, di garanzia, di riassicurazione, tranched cover, minibond e basket bond), finalizzati a favorire, su mandato delle rispettive amministrazioni regionali, sia l’accesso al credito sia quello al mercato dei capitali da parte delle imprese. Per quanto attiene, ad esempio, al mercato dei minibond, le finanziarie regionali hanno stanziato complessivamente circa 200 milioni negli ultimi anni per la sottoscrizione dei titoli di debito.
“Le finanziarie regionali hanno raggiunto in questi anni – è il commento del presidente Anfir, il torinese Michele Vietti – un altissimo grado di expertise nell’ideazione e predisposizione di progetti strutturati a misura di pmi, conseguendo risultati estremamente validi, che hanno permesso di alimentare la crescita, l’innovazione e lo sviluppo di mercato di molte aziende italiane. Questa partnership con Cdp ci permette di rafforzare ulteriormente l’offerta e le modalità di sostegno alle imprese, rispettando comunque le specifiche dimensionali, territoriali e le peculiarità produttive di ciascuna regione.”

Nessun commento: