Piazza Affari: Iren, Reply e Sanlorenzo fanno segnare i loro nuovi massimi

Seduta borsistica double face per il listino piemontese, quella di oggi, 20 gennaio: tre società subalpine sono finite in testa alla classifica dei maggiori ribassi della giornata, mentre altre tre hanno fatto segnare i rispettivi massimi storici.
A conquistare i nuovi record sono state Iren, che ha chiuso le negoziazioni a 2,902 euro (+1,26% rispetto a venerdì scorso), Reply, che ha terminato con il prezzo di 76,65 euro (+4,29%) e la matricola Sanlorenzo, la cui quotazione è stata di 17,50 euro (+1,45%). La capitalizzazione di Iren è salita a 3,775 miliardi e quella di Reply a 2,868 miliardi.
Invece, i tre più elevati ribassi di tutta Piazza Affari, oggi, li hanno subiti la Sogefi, controllata dalla Fratelli De Benedetti (-4,60% e perciò 1,41 euro come ultimo prezzo), la biellese Borgosesia (calo del 3,81% a 0,505 euro) e Bim Banca Intermobiliare, che ha perso il 3,81%, scendendo a 0,139 euro.
L'indice Ftse Mib, che rappresenta le 40 principali quotate alla Borsa di Milano, è calato dello 0,57%, ma è rimasto sopra i 24.000 punti. Le sue componenti piemontesi hanno avuto i seguenti risultati: -0,59% Buzzi Unicem, -0,08% Cnh Industrial, -1,8% Diasorin, -0,19% Exor, +0,10% Ferrari, +0,21% Fca, -0,77% Intesa Sanpaolo, + 0,28% Italgas, -0,28% Juventus, -1,73% Ubi Banca.

Nessun commento: