Ora sono quasi 82.000 i nuclei familiari con reddito o pensione di cittadinanza: 58.677 in Piemonte e 22.118 in Liguria

Sono quasi 82.000, nelle tre regioni del Nord-Ovest, i nuclei familiari, che usufruiscono del reddito/pensione di cittadinanza, sostegno economico a integrazione dei redditi familiari, finalizzato al reinserimento lavorativo e sociale, che i cittadini possono richiede dal 6 marzo dell'anno scorso. Un beneficio che coinvolge poco meno di 170.000 persone.
Il dato emerge dall'Ossevatorio specifico dell'Inps, che fornisce le informazioni statistiche sui nuclei familiari percettori del beneficio economico, ricordando che il reddito di cittadinanza assume la denominazione di pensione di cittadinanza se il nucleo familiare è composto esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore a 67 anni.
A percepire il reddito/pensione di cittadinanza sono 58.677 nuclei familiari (per il totale di 123.480 persone) in Piemonte, 1.098 nuclei (2.167 persone) in Valle d'Aosta e 22.118 nuclei con 43.412 famiglie in Liguria. L'importo medio percepito mensilmente è di 460,09 euro in Piemonte, 381,14 euro in Valle d'Aosta e 444,83 euro in Liguria (la media italiana è di 493,42 euro).
Ed ecco, in particolare, per provincia il numero di nuclei percettori di reddito/pensione di cittadinanza e, tra parentesi di persone coinvolte: Alessandria 6.296 (13.017), Asti 2.832 (6.210), Biella 2.170 (4.544), Cuneo 4.564 (9.702), Novara 4.144 (9.734), Torino 34.856 (72.197), Verbania 1.403 (2.613), Vercelli 2.412 (5.463), Aosta 1.098 (2.167), Genova 12.314 (23.211), Imperia 3.793 (7.806), La Spezia 2.527 (5.335), Savona 3.484 (7.060).
Al 7 gennaio 2020, in tutta l'Italia sono stati 1,6 milioni i nuclei che hanno presentato una domanda di reddito/pensione di cittadinanza all’Inps: ne sono state accolte 1,1 milioni (67%), 88 mila (5%) sono in lavorazione e 457 mila (28%) sono state respinte o cancellate. Da aprile 2019 ad oggi 56.000 nuclei sono decaduti dal diritto.
In Piemonte le domande presentate sono state 97.040 (62.010 accolte e 27,896 respinte o cancellate), in Valle d'Aosta 2.129 (1.224 accolte e 753 respinte o cancellate) e in Liguria 36.124 (23.397 accolte, 10.361 respinte o cancellate).
Guardando alle singole province, emerge che da Alessandria sono state presentate 9.994 domande, da Asti 4.576, da Biella 3.654, da Cuneo 8.173, da Novara 7.478. da Torino 56.850, dal Verbano-Cusio-Ossola 2.335, da Vercelli 3.980, da Aosta 2.129, da Genova 20.186, da Imperia 5.980, da La Spezia 4.286 e da Savona 5.672.

Nessun commento: